Maltrattamenti in asilo a Milano: arrestato maestro

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Ancora un caso di cronaca in Italia che riguarda episodi di maltrattamenti in asilo, perpetrati ai danni di bambini anche piccolissimi. Questa mattina un maestro di asilo è stato messo agli arresti a Pero, nel milanese, in seguito alle evidenze delle telecamere nascoste nell’Istituto, apposte dalla Polizia dopo diverse segnalazioni. Nei rapporti video, a dimostrazione delle cattive sensazioni trapelate, l’uomo è stato filmato per ben 42 volte in atteggiamenti inequivocabili, in cui maltrattava i bambini, tutti tra i due e i cinque anni. I maltrattamenti in asilo riguardano diversi episodi violenti, con numerosi schiaffi e spinte ai danni dei piccoli. Questa mattina i militari hanno dunque eseguito un ordine di custodia cautelare, agli arresti domiciliari, contro l’uomo responsabile di tale condotta, su richiesta dell’ufficio del procuratore distrettuale di Milano. Una misura che arriva, ad ogni modo, alla fine di un’indagine della durata di circa un mese.

    Nelle immagini offerte dalle telecamere nascoste dagli investigatori nelle aule dei bambini, ci sono diversi episodi di maltrattamenti in asilo, abuso fisico e verbale da parte dell’insegnante: calci, spintoni, urla. In alcune immagini si distingue come i bambini vengano presi di peso e gettati a terra, rimproverati violentemente e tirati per le orecchie. In una parte diversa del video è chiaramente visibile come, con i bambini seduti a terra in cerchio, l’uomo prendesse letteralmente a calci uno dei bambini sulla testa, con il solito contorno di urla ripetute, fra le quali si distinguono le minacce per non ascoltare i pianti dei piccoli: “Hai finito? Te lo do io tuo padre, con le sculacciate”.

    Un mese fa un altro caso di maltrattamenti in asilo ai danni dei bambini, nel barese: anche in quella circostanza, le telecamere avevano immortalato le violenze usate sui piccoli ospiti dell’Istituto da parte di quattro maestre, per le quali è scattato un ordine di custodia cautelare ai domiciliari.