Mare in Albania depredato: caccia ai reperti preziosi

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Dozzine e dozzine di vecchie navi, alcune risalenti all’epoca antecedente a Cristo, riposano per secoli e secoli al largo del mare in Albania: principalmente navi romane, ma anche fenicie, greche o illiriche, spesso cariche di tesori, ma anche le moderne navi da guerra. Dopo la fine del regime comunista di Enver Hoxha, quando la democrazia arrivò – e soprattutto in tempi recenti – molti di questi preziosi relitti, reperti archeologici unici spesso pieni di oro, altri metalli preziosi e monete d’epoca – sono scomparsi. Oppure sono stati saccheggiati.

    Il tutto dai cacciatori illegali di preziosi reperti archeologici, forse arricchiti in tutto il mondo con la loro “pesca” illegale di reperti: nel mare in Albania le anfore romane pescate vengono vendute per 100 euro ciascuna, ma su altri mercati europei il prezzo può aumentare in modo significativo Inoltre, nel caso delle moderne navi militari, i metalli sono messi in vendita sul mercato nero.
    Autorità, archeologi e storici della capitale albanese hanno lanciato l’allarme. Il paese, nonostante la forte crescita economica sotto il presidente pro-europeo Edi Rama e la speranza di un ingresso a lungo termine nell’Unione europea, è ancora troppo povero. Forze armate, polizia, guardia costiera, non hanno risorse sufficienti per difendere il mare in Albania e quelle rare navi antiche e il loro carico, tutti quei manufatti e il loro valore numismatico e archeologico probabilmente inestimabile.

    “Negli anni ottanta – spiega lo storico dell’arte Neritan Ceka all’agenzia France Presse – sono stato uno dei primi a denunciare il problema, immergendomi più volte in mare al largo delle nostre coste”. Poi c’erano intere navi, anfore, vasi, scrigni, ora molti sono scomparsi. Il furto subacqueo di massa è stato perpetrato da organizzazioni illegali sia albanesi che internazionali “.
    Il traffico illecito di tesori archeologici ha un giro d’affari annuale stimato in almeno 3,5 miliardi di euro, un patrimonio rubato dall’Albania e l’intera umanità da saccheggiatori subacquei.