Home SPETTACOLO TV Michele Cucuzza: “Il GF Vip è l’esperienza che mi mancava”

Michele Cucuzza: “Il GF Vip è l’esperienza che mi mancava”

Ultimo aggiornamento 18:42

I tempi sono cambiati! In verità, sono uno che nella comunicazione ha fatto e fa un po’ tutto: il giornalista giustamente serio al Tg2, la tv di servizio a ‘Uno mattina’ e l’informazione mista e l’intrattenimento a ‘La vita in diretta’ che è cominciata con me e dove ho avuto straordinari riconoscimenti dagli ascoltatori per dieci anni. Ma ho fatto anche tanta radio d’informazione in programmi come ‘Caffè Europa’ su Radiouno e ho scritto libri giornalistici, ho collaborato con quotidiani ma ho fatto anche l’intrattenimento tv vero e proprio con ‘Segreti e bugie’, programma con Raffaella Carrà tra gli autori, su Raiuno. Mi sono pure preso in giro facendo la parte del conduttore del tg che piange perché abbandonato dalla sua bella a ‘La posta del cuore’ con Sabina Guzzanti su Raidue!”
Ora che è giunta l’ufficialità, Michele Cucuzza non si sottrae alle domande sulla sua presenza all’imminente edizione del GF Vip. Del resto proprio in virtù di una carriera televisiva fortunata e densa di soddisfazioni, in fondo questa sua nuova avventura, come dice giustamente, altro non è che un tassello da aggiungere al suo gigantesco puzzle professionale. Poi lui, ‘fidanzato’ per anni con il pubblico rosa, dall’alto della sua rodata esperienza, sicuramente nella casa di Cinecittà avrà sicuramente ‘il suo bel da fare’.

“Vivere nella casa? Si può fare, sono versatile!”

Ed infatti il giornalista siciliano ammicca e rilancia: ’’Diciamo che sono versatile, con un po’ di immodestia. Mi incoraggia la stima e l’affetto che mi comunica la parte del pubblico che mi segue: il reality era il tassello che mi mancava“. Riguardo poi al reality, nello specifico, ‘’Era da qualche tempo che ci ‘annusavamo’. Per la verità, a me non andava tanto di fare la parte di quello che si rivede in tv giusto in un reality ma dopo tre stagioni di successo in un programma televisivo popolare come ‘Buon pomeriggio’, in onda su Telenorba e visto da mezza Italia fino a maggio scorso non ho più avuto motivo di negarmi. Una cordialissima telefonata di Alfonso Signorini ha coronato l’intesa’’.

“Mi piace l’idea di mettermi alla prova”

Quanto invece alla gara poi, tiene a sottolineare, ’’Non temo niente e nessuno anche se per adesso so solo i nomi di quattro concorrenti: tra loro ci sono anche care amiche. Sono curioso di vedere come funziona il tutto, di mettermi alla prova, magari di divertirmi. Chissà come sarà questa convivenza inattesa, a tempo pieno con gli altri concorrenti in gara. Per me è un po’ una prova, una sfida, diciamolo… Comunque sono sempre gli ascoltatori a decidere quanto tempo uno può rimanere nella ’casa‘’’.
Ed infatti è proprio al pubblico che Michele si rivolge, quel popolo che lui non ha mai tradito, anteponendo alle gesta stereotipate del professionista, i sentimenti ‘del vicino affascinante’, come ha dimostrato in ogni sua sortita catodica. Ed infatti non lo ‘impensieriscono’ più di tanto nemmeno gli eventuali ‘rimbrotti’ che saranno chiamati a fare Pupo e Wanda Nara, opinionisti nello studio: “Pupo è un amico che stimo – tiene a sottolineare – e Wanda Nara la conoscerò in trasmissione. Sono certo che svolgeranno il loro compito alla grande e noi, dalla casa, dovremo accettare i loro verdetti”.
Ma l’occasione, oltre che dalla partecipazione al Grande Fratello Vip è data anche dall’uscita in questi giorni, del suo settimo libro – ‘Fuori dalle bolle’ – una sorta di saggio sulla comunicazione rivolto alle nuove generazioni, notoriamente ‘obnubilate’ dai social…
Max