Monza, alunni lanciano sedia contro una prof: indagini in corso

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Brutto episodio nella provincia di Vimercate, a Monza, nell’Istituto secondario superiore ’Floriani’ un’insegnante di 55 anni è stata colpita con una sedia da alcuni alunni. La donna, che tiene la cattedra di storie e italiano, era appena entrata in aula quando è stata improvvisamente spenta la luce ed è stata colpita ad una spalla. Recatasi dapprima a denunciare l’accaduto ai carabinieri, l’insegnante si è poi recata in ospedale dove le hanno dato cinque giorni di prognosi. Secondo quanto raccontato ai carabinieri, l’insegnante stava scrivendo alla lavagna, dando le spalle alla classe, quando alcuni alunni hanno spento la luce e iniziato a scagliarle addosso più sedie.

    Gli studenti, di una classe del terzo anno, spiega il comandante della compagnia dei carabinieri di Vimercate, Antonio Stanizzi, sono in un età compresa tra i 15 e i 18 anni. I carabinieri stanno indagando per capire chi siano esattamente gli autori del gesto in un istituto dove, poco tempo fa, avevano tenuto un incontro sulla legalità.

    “La nostra si può definire una scuola di frontiera – ha dichiarato Daniele Zangheri, preside dell’Istituto – Nel nostro istituto abbiamo studenti difficili da gestire. Sono ragazzi che hanno problemi di apprendimento scolastico. Tanto che gli insegnanti lavorano soprattutto sul piano educativo e psicologico degli studenti”. L’insegnante, ferita a una spalla durante l’aggressione e guaribile con una prognosi di 5 giorni, non è alla sua prima esperienza di insegnamento: nella scuola lavora da circa 15 anni. “È il primo vero caso di bullismo nel nostro istituto – conclude il preside -. Prima si sono verificati piccoli episodi, ma tutti in linea con gli altri istituti professionali”.

    “Sono molto addolorata per il terribile fatto accaduto all’insegnante dell’Istituto Floriani”, commenta l’assessore all’Istruzione della Regione Lombardia, Melania Rizzoli. “Si tratta di un gesto di violenza inaudita non solo per l’aggressione, ma anche per la modalità in cui è stato perpetrato. Come donna e madre – ha concluso l’assessore – vorrei esprimere la mia vicinanza al corpo docente e alle famiglie di quella scuola: quanto è successo è inqualificabile e va sanzionato con il massimo rigore”. “L’increscioso episodio accaduto all’istituto secondario superiore ’Floriani’ di Vimercate, in provincia di Monza e Brianza, non può passare sotto silenzio. Occorrono un provvedimento esemplare e un percorso di rieducazione per gli alunni autori dell’aggressione che coinvolgano anche i familiari e la scuola stessa”, ha commentato poi il deputato della Lega Massimiliano Capitanio, primo firmatario del progetto di legge depositato alla Camera. “Alla professoressa, vittima del vile gesto – aggiunge il parlamentare – va tutta la nostra solidarietà e vicinanza. Questo episodio conferma l’urgenza di attuare il nostro progetto di legge che mira a reintrodurre l’educazione civica obbligatoria dalla scuole elementari fino alle superiori”.