Mosca, Putin ospita il Premier Conte

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Mosca ospita il premier Giuseppe Conte per l’incontro ufficiale con il presidente russo Vladimir Putin. Ad accogliere i due leader, immortalati in una forte stretta di mano, la sontuosa Sala Verde del Cremlino, dove sono schierate quattro guardie in alta uniforme. Presenti anche il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov, il ministro dell’Industria e del Commercio russo Denis Manturov, il consigliere del Cremlino per la politica estera Iuri Ushakov, l’ambasciatore italiano Pasquale Terracciano e il consigliere diplomatico della presidenza del Consiglio Pietro Benassi.

    “Mi auguro che lei possa venire in Italia al più presto, manca da troppo tempo: non vorrei che il popolo italiano pensasse che lei non gli presta attenzione”, ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nel corso dei saluti di rito prima dell’inizio dei negoziati con il presidente russo Vladimir Putin.

    “La nostra economia è solida e il governo farà la sua parte: dobbiamo fare squadra, sistema, governo, imprenditori e lavoratori” ha sottolineato Conte nell’incontro con la delegazione di imprenditori del settore delle calzature avvenuto in mattinata nella capitale russa, alla presenza dell’ambasciatore italiano in Russia Terracciano e del direttore dell’Ice di Mosca, Pierpaolo Celeste. “Agli imprenditori stiamo riservando attenzione nella manovra anche con sgravi fiscali. L’Italia è la seconda manifattura in Europa, nel 2018 l’export con la Russia ha ripreso slancio e mi auguro che anche voi possiate prendere questo treno”, ha aggiunto Conte rispondendo alle richieste di sostegno della presidente di Assocalzature, Annarita Pilotti che in particolare ha chiesto che vengano finalmente tolte le sanzioni alla Russia sollevando una vera e propria ovazione tra gli espositori presenti.

    “La Russia è un partner strategico dell’Italia e mi darete atto che fin da subito ho dimostrato particolare attenzione per questo Paese”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte a Mosca incontrando una delegazione di imprenditori italiani del settore delle calzature. “Sono qui oggi per dimostrare al presidente Putin la costante disponibilità dell’Italia al dialogo: le sanzioni non possono essere un fine ma un mezzo per risolvere le divergenze”.