Negato ingresso a Hong Kong a giornalista del Financial Times

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Un giornalista del Financial Times, Victor Mallet, è stato bloccato dall’entrare a Hong Kong, dove stava cercando l’ingresso come turista.
    Molte persone attribuiscono questa “punizione” al fatto che Mallet (foto 1), all’epoca presidente del Foreign Correspondent Club (FCC) di Hong Kong, ha moderato una conferenza di Andy Chan, l’attivista separatista, nelle sale della FCC . L’invito a Andy Chan, membro del fuorilegge partito nazionale di Hong Kong, aveva suscitato l’ira di Pechino che aveva chiesto loro di cancellare l’evento. Il rifiuto di concedere a Mallet il visto come turista è ancora più grave perché il giornalista, essendo britannico, avrebbe il diritto di entrare nel territorio per 180 giorni senza visto. La FCC ha chiesto spiegazioni al governo, ma non ha ricevuto risposta. Sotto la Cina, Hong Kong dovrebbe godere di un alto grado di autonomia, garantito dalla formula “una nazione, due sistemi”, ma ora ci sono molti che denunciano il restringimento di molte libertà nel territorio, con il consenso o l’obbedienza silenziosa del locale governo. Le figure del gruppo pan-democratico nel parlamento di Hong Kong hanno chiesto al capo dell’esecutivo, Carrie Lam, spiegazioni sul caso. Dicono che tali situazioni minano la libertà di stampa e di espressione e inibiscono le aziende internazionali che investono nel territorio, una volta noto per la sua libertà. Quasi nelle stesse ore in cui Mallet ha rifiutato il visto, il Tai Kwun Arts Center ha cancellato due eventi in cui avrebbe dovuto prendere parte Ma Jian, il dissidente e scrittore cinese, ora in esilio a Londra (foto 2). Ma è stato invitato al festival letterario internazionale e presenterà il suo ultimo romanzo, “The Dream of China”, che incorpora lo slogan di Xi Jinping e lo sottopone a una forte critica. Ma Jian non ha trovato nessun editore in città che volesse pubblicare il suo lavoro in cinese. Forse per timore di ritorsioni o rapimenti da parte di agenti cinesi, come avvenne per alcuni editori due anni fa.