Ralph Spaccatutto spacca in Internet, un mondo che può essere assurdo e infantile come una capra che bela in un video, dannoso come un virus che colpisce le nostre debolezze e le estende mandando in crisi il sistema, ma può essere significare libertà, di conoscenza e di opportunità. Sei anni dopo ‘Ralph Spaccatutto’ e due anni dopo l’Oscar per Zootropolis, gli autori Rich Moore e Phil Johnston (regista e sceneggiatore del film sulla coniglietta-poliziotta) tornano con una nuova storia, ma questa volta i loro protagonisti abbandoneranno la sala giochi di Litwak per cimentarsi nell’immenso, inesplorato ed eccitante mondo del web. Si ritrovano i due protagonisti: il cattivo, ma solo nel contesto videoludico, Ralph Spaccatutto e la giovane e temeraria pilota, nonché principessa segreta Vanellope von Schweetz, che per salvare il videogame di cui lei è la star, Sugar Rush - una gara tra dolci e strade di cioccolata - dovranno andare alla questua di un pezzo di ricambio nel grande ecosistema digitale. Capitati in una situazione fuori dal loro ordinario, Ralph e Vanellope dovranno riporre fiducia nei naviganti di Internet per ritrovare la retta via e dovranno mettere alla prova anche la loro amicizia. Catapultati nell’universo di Internet via wifi che l’anziano proprietario della sala di videogame Litwak ha finalmente comprato, i due amici dovranno cercare su ebay il volante (ormai vintage) che, distrutto da una giovane player, non è necessario più sostituire. il volante verrà comprato, dopo un’asta, dai due ad una cifra esorbitante, senza aver compreso che devono realmente pagarlo, vedranno nuovi videogiochi on line, tra cui quello di corsa Slaughter Race che farà impazzire la giovane Vanellope. Poi faranno la scopertoa della piattaforma dei video popolari Buzz Tube, guidato dalla signorina Sì, Sì ossia il magico algoritmo, stringeranno amicizia con il motore di ricerca Io so tutto e faranno una capatina nel mondo di immagini di Instagram. Nei cinema dal 1° gennaio, Ralph Spacca Internet affronta tantissime tematiche a partire dalle minacce (i virus e il dark web) e dai pericoli che si possono imbattere nei social ("dovevo avvisarti di non leggere i commenti" dirà a Ralph sconsolata la signorina Sì, dopo che Ralph scopre i commenti negativi e gli insulti che alcuni utenti hanno riservato a i suoi video), ma anche le grandi opportunità di questo sistema e la ricchezza che ne deriva.

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*