Scampato inizialmente alla cattura, lo scorso 17 luglio, nell’ambito dell’operazione "Gramigna" e sentendosi braccato dall’attività di ricerca dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Frascati, ieri sera Salvatore Casamonica ha consegnato alla caserma dei Carabinieri di Palestrina. L’uomo, 30 anni, è anche il destinatario dello stesso ordine di custodia in carcere, emesso dal GIP presso il Tribunale di Roma, su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia, che aveva già portato all’arresto di 35 clan membri per aver costituito e preso parte all’associazione mafiosa e ritenuto responsabile, in concorrenza con gli altri detenuti, e con ruoli diversi, di aver costituito un’organizzazione dedita alla tratta e al traffico di droga, nonché altri reati come l’estorsione, usura, concessione illecita di prestiti e altro, tutti impegnati con l’aggravante del metodo mafioso.

Salvatore Casamonica fu uno dei pochi sopravvissuti alla cattura, legato in affari con i figli del condottiero clan Giuseppe Casamonica, Emanuel e Guerrino, entrambi catturati due giorni dopo il blitz a Grottaferrata dove avevano trovato rifugio.

Nello specifico, dall’attività investigativa dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Frascati emerge un ruolo di spicco anche per Salvatore, che risiede a pochi metri dalla roccaforte del capo clan di Porta Furba.

La sua escalation criminale risale a pochi anni fa, nel 2015 il proprietario di un pub nel distretto di Tuscolano lamentava che Salvatore Casamonica, che era apparso nei suoi affari, avrebbe cercato di estorcere la somma di 500 euro a settimana, minacciando di impostare il struttura in fiamme se non avesse soddisfatto la richiesta. Dopo poche ore, Salvatore Casamonica sarebbe tornato al pub, questa volta accompagnato da Pasquale Casamonica chiamato "Rocky", zio dei fratelli Guerrino ed Emanuel, che hanno battuto il proprietario e uno dei suoi dipendenti.

Una volta arrestato, il membro della famiglia Casamonica fu portato in prigione a Regina Coeli, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*