Good Save the Queen, anche dalla Brexit a quanto pare. Tra le fila del percorso della Brexit spunta un piano segreto per salvare la Regina e tutti i regali britannici. La Brexit che diventa un caso mondiale e, anche, un elemento di pianificazione come in guerra per poter esser certi di salvare la Regina. A quanto pare infatti esiste un segretissimo (o a questo punto non più tanto tale) piano per salvare la Regina Elisabetta e tutti i Reali dagli effetti della Brexit e ricalcherebbe un altro piano di sicurezza ’reale’ precedente.
L’operazione anti Brexit per la Regina infatti sarebbe stata posta in essere sulle basi di un’altra strutturazione di sicurezza ideata per un attacco sovietico, e tornata in auge per i disordini in caso di "no deal.
Esiste dunque sul serio il piano: e verterebbe sul modo più consono per portare via da Londra la Regina e altri membri della famiglia reale in caso di violenti disordini causati da una Brexit senza accordo. Si tratterebbe dunque di concrete strategie d’emergenza che il governo avrebbe studiato a tavolino e che, ieri, il Sunday Times ha tirato fuori dal cilindro indicando come la Gran Bretagna, nelle ultime settimane, abbia anche ipotizzato di rivisitare il piano Operazione Candid, il protocollo di sicurezza relativo al salvataggio della famiglia reale proposto durante la Guerra Fredda.
Del resto il rischio di un’uscita «no deal» dall’Unione Europea pone l’esecutivo e le autorità britanniche in generale di fronte alla necessità di prepararsi anche al peggio. E si sa che per gli inglesi non c’è peggio rispetto a quello di non riuscire, appunto, a salvare la Regina.

E qualora le reazioni post Brexit diventassero violente e pericolosa per la sicurezza pubblica ma soprattutto reale, il piano, che in origine era stato ideato per porre rimedio ad un attacco nucleare da parte dell’Unione Sovietica, metterebbe in sicurezza sia la Sovrana e sia il Duca di Edimburgo tramite segretissimi trasferimenti presso una località che ovviamente è stata omessa da qualsiasi report giornalistico, e che comunque sarebbe fuori Londra.



0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*