Strage tornado in Alabama, 23 morti secondo le prime stime dopo l’arrivo dei tornado in tutta la zona della contea di Lee. Dunque stando a quanto emerge dai primi dati e dalle prime ricostruzioni della intera vicenda sarebber di almeno 23 morti il triste bilancio dei tornado che si sono scatenati sulla contea di Lee che fa parte dello Stato americano dell’Alabama. Naturalmente si parla di stime per il momento indicative, approssimative: purtroppo, numero delle vittime, stando a quanto riportano le autorità locali, potrebbe aggravarsi nelle prossime ore. Del resto, un dato emerge subito: con l’arrivo dei tornado le operazioni di soccorso sono state interrotte fino all’alba perché troppo rischiose.
Non si ha neppure ben chiaro il numero totale dei feriti, benché emerga che almeno 40 siano quelli che sono stati trasportati all’East Alabama Medical Center e messi sotto ricovero. Il maltempo ha lasciato 4mila utenti senza elettricità in tutto lo Stato, mentre sono 2mila nella sola contea di Lee.
Il tornado che si è abbattuto sullo stato di Alabama dunque avrebbe prodotto 23 morti, un numero indefinito di feriti e danni al momento incalcolabili. Numeri e stime ancora provvisorie e purtroppo la sensazione che la cifra delle vittime del tornado che si è abbattuto sullo stato di Alabama possa aumentare. Intanto si sono viste centinaia di case distrutte e un crescente numero di persone intrappolate sotto le macerie.
A rendere noti i dati dei danni del tornado che si è abbattuto sullo Stato di Alabama, negli Stati Uniti è Hay Jones, lo sceriffo della contea di Lee. Si parla di due minori tra i deceduti. L’allarme meteo è stato esteso a Georgia, Florida e South Carolina. Il tornado si è scatenato su Beauregard, una comunità a circa 100 chilometri a est di Montgomery, la principale città dell’Alabama."E’ impressionante la quantità di detriti e macerie prodotta dal vento. Non ho mai visto nulla del genere in vita mia", ha affermato alla CNN lo sceriffo della contea di Lee Jay Jones.

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*