Moto Gp Dovizioso vince Rossi quinto: Dovizioso batte Marquez di 23 millesimi le Honda del campione del mondo e di Cal Crutchlow. Pronti via e la Moto Gp regala subito grandi emozioni e brividi. A Losail nella prima gara stagionale della MotoGP arriva dunque il grande successo della Ducati di Andrea Dovizioso che supera sia il campione del mondo Marc Marquez che Cal Crutchlow. Si è trattato invece di uno start difficile per Valentino Rossi e Jorge Lorenzo che sono dovuti passare per la Q1 partendo 14° e 15°. In pole la Yamaha del compagno di squadra di Valentino, Maverick Vinales, davanti alla Ducati di Dovizioso e al campione uscente della Honda Marc Marquez. Allo start invece problema per Quartararo nel warm up. Il francese parte dai box. Dovizioso ha un avvio scintillante e si posiziona rapidamente davanti a Vinales. A seguite ecco Crutchlow e Rins. Vinales perde scia mentre Rins tallona a dovere Dovizioso passando anche Marquez che in ogni caso, duella e non indietreggia di fronte alla sfida. Disputando di fatto una gara nella gara, invece, Rossi recupera ed è lesto ad arrivare rapidamente in ottava posizione. La gara è affascinante e si iscrive a registro anche Petrucci che duella con Marquez per la terza posizione. Nessuno riesce a prendere posizioni di assoluto controllo però. A metà gara in testa si vedono Dovizioso e Marquez, Rins e Petrucci, non demordono. Dovizioso allunga su Marquez, in difficoltà le Yamaha che non riescono a stare a contatto con le prime. Poi si scatena ancora Rins che supera Marquez. Rossi sale fino al sesto posto. A quattro giri dal gong, Marquez decide che è il momento clou e attacca Dovizioso. Rins flop: lascia la posizione a Crutchlow. Gli ultimi due giri sono pazzeschi: piccolo errore di Dovizioso che lascia passare Marquez ma nell’ultimo giro tra i due è lotta serrata, Marquez sembra farcela ma l’ultimo controsorpasso premia un Dovizioso meraviglioso. Sul podio anche la Honda di Crutchlow. Valentino Rossi chiude al quinto posto. Petrucci è sesto. Delude la Yamaha di Vinales.

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*