Uno su mille ce la fa, anzi, uno su un milione. Il concetto espresso da Flavio Briatore sul mondo degli influencer può essere riassunto parafrasando la celebre canzone di Gianni Morandi. Il noto imprenditore e proprietario del Billionaire, ha detto la sua sul mondo dei social network, diventati ormai l’aspirazione di moltissimi giovani, che hanno in Chiara Ferragni e altre star del web dei modelli da seguire. Tanto che moltissime ragazze hanno sborsato cifre da capogiro (fino a 600 euro) per assistere la moglie di Fedez in uno peccato in cui la stessa Ferragni spiegava ai presenti come veniva truccata prima delle sue foto, che raggiungono centinaia di migliaia di like. Dai biglietti standard a quelli esclusivi, fino ad arrivare a quelli più costosi, che permettevano di raggiungere Chiara Ferragni addirittura nel suo camerino. Una scelta che ha trovato in disaccordo Briatore. 

Briatore contro Chiara Ferragni: l’attacco dell’imprenditore 


Briatore contro Chiara Ferragni: l’imprenditore si è scagliato contro il mondo degli influencer durante la trasmissione ‘L’Arena’ diretta da Massimo Giletti su La7. Al termine di un servizio in cui veniva presentato lo spettacolo di Chiara Ferragni, l’imprenditore ha commentato così la scelta di molte persone di pagare prezzi da capogiro per assistere allo spettacolo in cui l’influencer veniva truccata: “Intanto voglio capire chi dà i 650 euro a ’sti deficienti. Trenta anni fa vendevano l’aria di Alassio e c’era chi la comprava. Io vorrei vedere un imbianchino, un ragazzo che è riuscito a fare impresa. Queste cose succedono a una persona, non puoi pensare che succeda anche a te. Diventa un modello di niente. Tutti questi social media ti distolgono dal lavoro vero. Tutti sognano di diventare milionari senza fare un ca..., senza lavorare. Di sicuro non darei a mio figlio 600 euro per farsi fotografare con qualcuno. Ragazzi, iniziate a lavorare. Perché è sparito il desiderio di fare impresa quando si hanno 18 anni?", ha concluso Briatore.  

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*