Home ATTUALITÀ BREAKING NEWS “Non ho chiesto l’appoggio a Zingaretti” afferma la Raggi sulle alleanze elettorali....

    “Non ho chiesto l’appoggio a Zingaretti” afferma la Raggi sulle alleanze elettorali. Il Pd: ”Bugie”

    Ultimo aggiornamento 20:06
    VIRGINOA RAGGI SINDACO

    Io a Zingaretti non ho mai chiesto appoggio né al Pd, cerco l’appoggio dei cittadini”.

    Raggi: “Ai romani non interessano i giochi di palazzo”

    Una vera e propria stilettata quella con la quale, intervenendo su La7, la sindaca della Capitale, Virginia Raggi, ha risposto ad una domanda sulle alleanze elettorali.

    “Io credo che ai romani i giochi di palazzo non interessano e a me non interessano poltrone né apparentamenti – ha quindi aggiunto la prima cittadina – La piattaforma Rousseau ha stabilito che si possono fare alleanze che vanno stabilite caso per caso. A Roma, per il modo in cui stiamo risanando la città e rilanciandola, non credo si possa trovare una convergenza con l’attuale Pd e Zingaretti”.

    Raggi: “La coalizione di governo è un’altra cosa”

    Quindi, ha tenuto a rimarcare la Raggi a proposito della coalizione di governo, ”L’alleanza c’è in sede nazionale per effetto della legge elettorale, su Roma portiamo avanti un progetto molto complesso di ricostruzione”.

    Raggi: “Su Casapound il Pd non mi ha supportato”

    Infine, chiamata a pronunciarsi rispetto all’annoso ‘problema’ dello sgombero di Casapound, la sindaca ha replicato: “Mi sarei aspettata il Pd al mio fianco, sono stati silenziosi. Se la sinistra è il Pd ho qualche dubbio, penso che la sinistra sia anche altro”.

    Il Pd replica: “Un’ imbarazzante valanga di bugie”

    Puntuale, poco dopo la messa in onda dell’intervista alla prima cittadina della Capitale, dal Pd hanno tenuto subito a commentare l’affermazione della Raggi relativa ad un’eventuale alleanza con il Pd: ”L’unica verità detta questa sera da Virginia Raggi è che non è possibile alcuna convergenza con il Pd. Il resto è una imbarazzante valanga di bugie di una persona che con egoismo e incompetenza ha fatto tanto male a Roma”.

    Max