Home ATTUALITÀ Novak Djokovic sul Covid 19 dopo Adria Tour: “Caccia alle streghe contro...

Novak Djokovic sul Covid 19 dopo Adria Tour: “Caccia alle streghe contro di me”

Ultimo aggiornamento 11:48

Novak Djokovic ha risposto a coloro che lo hanno criticato a seguito del disastroso tour di Adria che ha organizzato il mese scorso.

Il serbo ha affermato che c’è una “caccia alle streghe” contro di lui dopo che lui e sua moglie sono risultati positivi al coronavirus. Il tennista non è stato il solo a essere coinvolto nella serie di atleti che avrebbero dovuto prendere parte alla mostra.

Djokovic, coronavirus: “Vogliono un colpevole, qualcuno deve cadere”

Il n.1 del mondo ha reagito orchestrare un “complotto” contro di lui. “Ultimamente vedo solo critiche, molto maliziose“, ha detto a Sportski Zurnal. “Ovviamente, c’è qualcosa di più di quella critica, come se ci fosse un ordine del giorno, come se fosse una caccia alle streghe. Qualcuno deve cadere, qualcuno, un nome importante per essere il principale colpevole di tutto. Lascio agli altri dire se è giusto, non penso che lo sia, penso che dobbiamo imparare da tutto questo e adattarci mentre andiamo avanti“.

Prima del torneo, che doveva essere abbandonato, i casi di coronavirus erano in declino in Serbia, ma alcuni si sono chiesti perché le misure di allontanamento sociale sembravano essere ignorate.

Djokovic si è anche unito a Rafael Nadal e mette in dubbio se sarà agli US Open quest’anno. “Non sono sicuro che giocherò negli US Open“, ha aggiunto. “Ho intenzione di giocare a Madrid, Roma e Roland Garros a settembre.

Questo significa che nessuno dei tre grandi del tennis potrebbe essere presente, con Roger Federer infortunato, anche se l’evento a Flushing Meadows è in ulteriore dubbio dopo che la Ryder Cup, che si terrà in America, è stata posticipata.