Home ATTUALITÀ Nuovo DPCM, ecco cosa cambia dal 14 luglio. Mascherine e distanziamento sociale,...

    Nuovo DPCM, ecco cosa cambia dal 14 luglio. Mascherine e distanziamento sociale, tutte le novità.

    Ultimo aggiornamento 23:01
    GIUSEPPE CONTE

    La giornata di oggi, 14 luglio 2020, è segnata dall’arrivo del nuovo Dpcm del governo Conte che detterà le regole per la gestione dell’emergenza coronavirus in questa fase successiva.

    Diversi i cambiamenti interessanti da conoscere, come ad esempio quello che riguarda le mascherine, l’obbligo di indossarle nei locali al chiuso e le regole relative al distanziamento sociale.

    Per quanto riguarda le disposizioni del Ministero della Salute, infatti, non sono stati previsti allentamenti delle precedenti misure anti coronavirus in questo mese. La comparsa di nuovi focolai in diverse parti del Paese, infatti, seppure in modo circoscritto destano preoccupazione e non consentono di rivedere le prescrizioni.

    Vediamo allora cosa cambia dal 14 luglio in merito alle regole anti coronavirus, e tutte le novità del nuovo Dpcm Conte.

    Cosa cambierà dal 14 luglio: obbligo mascherina, locali al chiuso, negozi, locali, ristoranti. Regole all’aperto, distanziamento di un metro

    Il Corriere della Sera ha riportato l’intenzione del governo Conte di mantenere la stretta in merito all’uso delle mascherine e al distanziamento sociale. Tuttavia, sarà confermato anche l’obbligo di osservare la sanificazione delle mani in modo frequente.

    Nei luoghi pubblici al chiuso sarà ancora obbligatorio l’utilizzo della mascherina. Nel dettaglio l’obbligo ricade su musei, negozi e centri commerciali, ma anche altri locali ad alta frequentazione come palestre, ristoranti, cinema. Obbligo anche nei saloni di parrucchieri ed estetisti, oltre ai mezzi di trasporto pubblico.

    Mascherina obbligatoria per tutti i lavoratori delle attività commerciali rivolte al pubblico, per cui nei negozi gli addetti non potranno mai togliere la mascherina, esattamente come i dipendenti di uffici pubblici e sanitari.

    Regole meno severe per quanto riguarda gli spostamenti all’aperto: la mascherina è obbligatoria soltanto nei casi in cui non sarà possibile rispettare la distanza sociale minima di un metro.