Home ATTUALITÀ Nuovo Dpcm: quando entra in vigore e cosa cambia

    Nuovo Dpcm: quando entra in vigore e cosa cambia

    MOVIDA NAVIGLI GENTE FOLLA MASCHERINE MASCHERINA COVID 19 CORONA VIRUS

    ”Non ci sono oggi le condizioni per allentare le misure“. Così il ministro della salute Roberto Speranza, ieri, ha annunciato che il nuovo Dpcm in vigore dal 6 marzo al 6 aprile non farà sconti alle restrizioni. Rimarrà quasi tutto invariato, perché i casi Covid non scendono e le varianti spaventano. È questo il fulcro del discorso del ministro.

    Cosa cambia quindi nel nuovo Dpcm? Poco: c’è la possibilità che alcune aperture possano venire anticipate, ma la decisione arriverà sulla base dei dati della curva epidemiologica. Non ci sarà tregua nemmeno a Pasqua (il 4 aprile). Le nuove regole saranno annunciate lunedì prossimo: il punto di discontinuità rispetto al precedente governo è proprio la tempistica con cui verranno comunicate le decisioni prese.

    Rimarrà la suddivisione in colori per le diverse zone di rischio: in rosso e in “arancione scuro” le Regioni con il livello di rischio più alto, in arancione con il rischio intermedio, in giallo con rischio basso, e bianco, mai applicato finora, per le Regioni libere dal Covid. Rimangono il coprifuoco e l’obbligo di indossare le mascherine anche all’aperto.

    In zona rossa o arancione scuro non si potrà uscire dal proprio Comune di residenza e sarà impossibile quindi recarsi nelle seconde case. Sarà possibile farlo invece in zona arancione o gialla. Il ministro della Cultura Dario Franceschini ha chiesto che i musei, mostre e parchi archeologici possano rimanere aperti anche il weekend. Inoltre lavora per l’apertura di cinema e teatri il 27 marzo: una risposta arriverà nei prossimi giorni. Niente apertura per palestre e piscine, nonostante il protocollo varato dal Cts, il ritorno allo sport slitta ancora.