Home ATTUALITÀ Nuovo Dpcm, zone rosse e circolazione: servirà l’autocertificazione anche di giorno?

    Nuovo Dpcm, zone rosse e circolazione: servirà l’autocertificazione anche di giorno?

    Ultimo aggiornamento 10:07
    MOVIDA NAVIGLI GENTE FOLLA MASCHERINE MASCHERINA COVID 19 CORONA VIRUS

    Dividere l’Italia in tre aree, questo il piano del nuovo Dpcm che dovrebbe entrare in vigore entro domani. Zona rossa, zona arancione e zona verde, in base al livello di rischio individuato dall’Iss (Istituto Superiore di Sanità) e determinato dall’indice Rt di ogni porzione di territorio. Al momento le Regioni a rischio chiusure stringenti sono Lombardia, Piemonte e Calabria. Liguria, Campania e Puglia sono state colorate d’arancione. Tutte le altre in verde.

    La classificazione delle zone prevederà quindi un diverso sistema di controllo. Per le Regioni più a rischio la chiusura sarà quasi totale: ristoranti, bar e negozi abbasseranno le serrande per tutto il giorno. Lo smart working sarà esteso a chiunque abbia possibilità di lavorare da casa e la didattica a distanza verrà estesa a tutti i livelli scolastici.

    Ancora da chiarire alcuni punti. Il ministro della salute Roberto Speranza, come riporta Repubblica, per le zona ad alto rischio e quindi considerate rosse vorrebbe estendere l’uso dell’autocertificazione anche agli spostamenti diurni. In pratica tutte le uscite dovrebbero essere giustificate per motivi di salute, lavoro e urgenti. Per tutto il giorno. Su questo punto il premier Conte non sarebbe d’accordo, e vorrebbe invece una circolazione libera fino all’orario del coprifuoco.