OMICIDIO GIUDICE CACCIA – A DISTANZA DI 32 ANNI ARRIVA LA SVOLTA: ARRESTATO UNO DEI KILLER

    103719760-65a6e7df-86b3-45e4-8732-90dd1c71c1b9.jpg (471×660)

    Gli uomini della squadra mobile di Torino, hanno arrestato uno dei killer nel caso dell’assassinio del giudice Bruno Caccia, ucciso il 26 giugno del 1983. L’arrestato viveva a Torino e faceva il panettiere in borgata Parella, ma le indagini, coordinate dalla procura di Milano, hanno rivelato collegamenti con Domenico Belfiore, considerato il mandante dell’omicidio maturato nell’ambiente della ‘ndrangheta. L’arresto è stato compiuto con un ‘trucchetto’, quando Belfiore è uscito dal carcere e finito ai domiciliari (per motivi di salute), la squadra mobile, ha potuto ricostruire i rapporti con Rocco Schirripa, mai nominato nell’inchiesta sul delitto Caccia, ma poi scoperto, esecutore materiale dell’omicidio. Lo stratagemma, messo in atto dagli uomini della squadra mobile, è stato semplice ed efficace: sono state spedite alcune lettere anonime a persone della cerchia di Belfiore e all’arrestato, ritenuto legato all’omicidio, ma mai comparso sul registro degli indagati. Gli inquirenti, hanno recapitato la fotocopia dell’articolo del giornale ’La Stampa’, relativo al coinvolgimento di Belfiore nell’omicidio del procuratore Caccia con sopra il nome dell’arrestato. E’ bastato questo per scatenare panico all’interno della cosca su chi avesse potuto rivelare quel nome. Le intercettazioni ed i messaggi scambiati tra i personaggi noti, hanno chiarito il resto. E così si è potuto arrivare alla svolta:  l’arrestato, a distanza di 32 anni, è effettivamente l’uomo sceso dall’auto a pochi passi dalla abitazione del procuratore, ed è colui che ha esploso il fatale colpo alla testa.

    D.T.