Home ATTUALITÀ Papa Francesco rimarca: “No ai preti sposati in Amazzonia”

Papa Francesco rimarca: “No ai preti sposati in Amazzonia”

Ultimo aggiornamento 15:49

“Il modo di configurare la vita e l’esercizio del ministero dei sacerdoti non è monolitico e acquista varie sfumature in luoghi diversi della terra. Perciò è importante determinare ciò che è più specifico del sacerdote, ciò che non può essere delegato. La risposta consiste nel sacramento dell’Ordine sacro, che lo configura a Cristo sacerdote. E la prima conclusione è che tale carattere esclusivo ricevuto nell’Ordine abilita lui solo a presiedere l’Eucaristia. Questa è la sua funzione specifica, principale e non delegabile”.
Così, rifacendosi al paragrafo 87 dell’Esortazione apostolica ‘Querida Amazonia’, che molti leggevano come una probabile apertura ai presti sposati (ma in determinati luoghi e condizioni), contrariamente alle aspettative non ha invece indotto Papa Francesco a novità di rilevo in quanto, come aggiunge leggendo il paragrafo seguente – l’88 – “Il sacerdote è segno di questo Capo che effonde la grazia anzitutto quando celebra l’Eucaristia, fonte e culmine di tutta la vita cristiana. Questa è la sua grande potestà, che può essere ricevuta soltanto nel sacramento dell’Ordine sacerdotale. Per questo lui solo può dire: ‘Questo è il mio corpo’. Ci sono altre parole che solo lui può pronunciare: ‘Io ti assolvo dai tuoi peccati’. Perché il perdono sacramentale è al servizio di una degna celebrazione eucaristica. In questi due Sacramenti c’è il cuore della sua identità esclusiva”.

“E’ l’Eucarestia che fa la Chiesa”

Ma non solo, ha poi spiegato Bergoglio, “Nelle circostanze specifiche dell’Amazzonia, specialmente nelle sue foreste e luoghi più remoti, occorre trovare un modo per assicurare il ministero sacerdotale. I laici potranno annunciare la Parola, insegnare, organizzare le loro comunità, celebrare alcuni Sacramenti, cercare varie espressioni per la pietà popolare e sviluppare i molteplici doni che lo Spirito riversa su di loro. Ma hanno bisogno della celebrazione dell’Eucaristia, perché essa ‘fa la Chiesa’, e arriviamo a dire che ‘non è possibile che si formi una comunità cristiana se non assumendo come radice e come cardine la celebrazione della sacra Eucaristia’. Se crediamo veramente che è così, è urgente fare in modo che i popoli amazzonici non siano privati del Cibo di nuova vita e del Sacramento del perdono”.

“Occorrono più missionari per l’Amazzonia”

Dunque l’unico modo possibile per evangelizzare i luoghi più remoti, ha raccomandato il Ponefice ai sacerdoti, è quello di organizzare con attenzione i missionari per l’Amazzonia: “Questa pressante necessità mi porta ad esortare tutti i Vescovi, in particolare quelli dell’America Latina, non solo a promuovere la preghiera per le vocazioni sacerdotali, ma anche a essere più generosi, orientando coloro che mostrano una vocazione missionaria affinché scelgano l’Amazzonia. Nello stesso tempo, è opportuno rivedere a fondo la struttura e il contenuto sia della formazione iniziale sia della formazione permanente dei presbiteri, in modo che acquisiscano gli atteggiamenti e le capacità necessari per dialogare con le culture amazzoniche. Questa formazione dev’essere eminentemente pastorale e favorire la crescita della misericordia sacerdotale“.

Il ruolo dei diaconi esteso anche alla parrocchia

Del resto, sottolineando l’esiguità dei missionari, citando il paragrafo 92 Francesco ribadisce che “C’è necessità di sacerdoti ma ciò non esclude che ordinariamente i diaconi permanenti, le religiose, ed i laici stessi assumano responsabilità importanti per la crescita delle comunità e che maturino nell’esercizio di tali funzioni grazie ad un adeguato accompagnamento. Una chiesa con volti amazzonici richiede la presenza stabile di responsabili laici maturi e dotati di autorità, che conoscano le lingue, le culture, l’esperienza spirituale e il modo di vivere in comunità dei diversi luoghi”.

Max