Parlamento della Macedonia vota sul cambio di nome

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Il parlamento macedone voterà un accordo che cambierebbe il nome del paese in “Macedonia settentrionale” e finirà una controversia lunga decenni con il suo vicino meridionale, la Grecia. Il cambiamento del nome avrebbe spianato la strada della Macedonia ad organizzazioni internazionali come la NATO e l’Unione Europea (UE), che la Grecia ha posto il veto finora. L’Unione socialdemocratica del primo ministro Zoran Zaev, leader di una coalizione che detiene 72 dei 120 seggi del parlamento, sostiene il cambiamento e l’ascesa della Macedonia alla NATO e all’Unione europea. Tuttavia, sono otto posti in meno degli 80 voti necessari per cambiare il nome del paese. Zaev spera che i legislatori dell’opposizione sosterranno il voto. “Legislatori, diciamo” Sì “all’opportunità che ci sta davanti: la storia ricorda le decisioni giuste”, ha scritto Zaev su Facebook giovedì. Se il parlamento approverà la prima mozione del governo, aprirà la procedura di modifica del nome, consentendo ai legislatori di discutere la questione per un periodo che dura tre mesi o più, secondo il regolamento del Parlamento. Un secondo voto richiede una maggioranza semplice di 61 voti, ma un voto finale richiederebbe una maggioranza di due terzi. Se il voto fallisce, Zaev ha detto che l’unica opzione rimanente sarebbe elezioni anticipate probabilmente entro la fine di novembre o all’inizio di dicembre. VMRO-DPMNE, il partito nazionalista di opposizione di centro-destra, si è mobilitato contro ogni cambiamento nel nome. “L’accordo per cambiare il nome del paese è legalmente e politicamente morto: il dibattito vuoto in parlamento non è produttivo e viola la volontà della gente”, ha affermato il partito, secondo quanto riferito da Balkan Insight. La Macedonia ha tenuto un referendum nazionale il 30 settembre sul cambio di nome. Mentre il 91,4 percento di coloro che hanno votato hanno sostenuto il cambiamento, solo il 36,9 percento degli elettori idonei si è rivelato, lasciando la decisione al parlamento macedone. La bassa affluenza ha seguito una campagna guidata da VMRO-DPMNE per boicottare il referendum. La Grecia, preoccupata per le ambizioni territoriali di Skopje, si oppone al cambio di nome perché ha una provincia settentrionale con lo stesso nome. I due paesi hanno anche una disputa sul patrimonio culturale della regione. Una scadenza informale per attuare l’accordo scade nel marzo 2019, a parte il parlamento greco per attuarlo prima delle elezioni generali, che potrebbero vedere le forze contrarie all’accordo prendere il potere.