Politica estera e Mid-terms: Gli Usa e temi sullo sfondo

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Bernie Sanders ed altri importanti esponenti della politica al Senato Usa, hanno proposto una risoluzione governativa che ridurrebbe il ruolo degli Stati Uniti nel conflitto nello Yemen, che include il rifornimento di aerei da caccia sauditi che sono accusati di aver causato la morte di civili. Un problema correlato che dovrebbe ottenere maggiore trazione è il futuro delle vendite americane di armi all’Arabia Saudita, che i leader democratici sostengono dovrebbero essere tagliati fuori o ristretti – sia sul suo ruolo nello Yemen che più recentemente sulla scia dell’omicidio di Khashoggi. Una casa democratica significa anche una strada più dura per i piani di Trump per la revisione di ognuna delle tre triade della triade nucleare – sottosistemi, missili e bombardieri – e degli sforzi per sviluppare una nuova testata atomica a rendimento inferiore, che i democratici all’unisono si sono opposti quest’anno quando si vota sulla legislazione della difesa. Ma chi esattamente guiderà la politica di difesa di Trump dopo le elezioni sarà sempre più in discussione. Molti anticipano che il segretario alla Difesa Jim Mattis lascerà il suo posto nelle prossime settimane o mesi. Il generale marino in pensione è stato ampiamente percepito da repubblicani e democratici, nonché da alleati statunitensi e potenziali nemici allo stesso modo, come forza per la stabilità e la continuità tra la postura spesso erratica proveniente dalla Casa Bianca su tutto, dalla NATO e dalla Russia alla Corea del Nord. Ciò ha sollevato preoccupazioni sul fatto che Trump potrebbe nominare un sostituto più partigiano di Mattis, che ha svolto un ruolo chiave rassicurando gli alleati della NATO che l’amministrazione Trump è impegnata per l’alleanza e ha dedicato molto tempo a mantenere alleanze USA in Asia, dove ha evidenziato la necessità di diplomazia per risolvere la crisi nucleare con la Corea del Nord e cooperare con la Cina anche mentre si sta confrontando. “Il segretario Mattis è una delle uniche figure rassicuranti dell’amministrazione Trump, e non intendo questo come un partigiano democratico”, ha detto il senatore Brian Schatz, un democratico delle Hawaii che fa parte del gruppo di difesa del Comitato per gli stanziamenti.