Pomezia, “L’altra Faccia Dello Sport”: focus paralimpico

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Grande emozioni e suggestioni nell’ambito della iniziativa “L’altra Faccia Dello Sport” a Pomezia, focus sul mondo dello sport paralimpico.
    Sabato 1 dicembre il Comune di Pomezia con l’assessore Giuseppe Raspa, Il vice presidente della Commissione scuola e servizi alla persona Luisa Navisse e l’ufficio Sport hanno partecipato al corso
    “L’altra Faccia Dello Sport”, corso/convegno di divulgazione in materia di attività motorie e sportive per persone disabili, organizzato dal CIP Comitato Italiano Paralimpico C.R. Lazio.

    Pomezia si dimostra piuttosto all’avanguardia sul tema. “Il nostro Comune ha partecipato con molto interesse al corso – dichiara l’assessore del comune di Pomezia Giuseppe Raspa – per poter approfondire le tematiche relative al quadro legislativo, alle offerte tecniche paralimpiche, alle relazioni tra staff – atleta – attività sportiva ed all’evoluzione degli sport paralimpici. Abbiamo inoltre avuto l’opportunità di ascoltare e confrontarci con molte Federazioni territoriali, oltre a poter effettuare prove pratiche delle discipline sportive insieme agli atleti.”

    “Ringrazio gli organizzatori del corso per aver offerto l’opportunità di ampliare e nostre conoscenze – dichiara il Sindaco di Pomezia Adriano Zuccalà – Cerchiamo di approfondire nuovi punti di vista e nuove possibilità. Lo sport deve essere uno strumento di integrazione ed offrire a tutti la possibilità di competere e raggiungere l’eccellenza.”

    Già nel passato, è bene ricordarlo, il comune di Pomezia aveva dimostrato con i fatti e con diverse iniziative di avere molto a cuore l’aspetto ludico e formativo e di socializzazione e di aggregazione sociale che lo sport, in generale, con tutte le sue branchie e sfumature settoriali, riveste nell’ambito di un percorso di miglioramento della coesione sociale di un territorio variegato e ambizioso d’evoluzione come Pomezia. Quando tuttavia poi al concetto di valorizzazione dello sport come veicolo sociale si aggiunge poi quello ancor più sensibile e fondamentale della valorizzazione del movimento sport paralimpico, la sensazione di essere di fronte ad un grande momento di crescita collettiva è ancor più efficace e sostanziale.