Ponte Morandi, demolizione prevista dal 15 dicembre

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Partirà il 15 dicembre l’opera di demolizione del ponte Morandi, come ha dichiarato il sindaco di Genova e commissario per la ricostruzione, Marco Bucci, durante un’intervista a SkyTg24. Secondo Bucci, un progetto sarà presentato entro la fine di novembre e i lavori inizieranno sul lato ovest. Il sindaco-commissario ha sempre fissato il mese di dicembre con la data di partenza per la ricostruzione, anche se resta ancora da tenere in considerazione il sequestro delle aree da parte dell’autorità giudiziaria. “Il mio piano prevede che i lavori di demolizione inizieranno il 15 dicembre. Abbiamo un progetto che prevede la partenza delle lettere di invito, l’elaborazione dei dati e la scelta del progetto entro la fine di novembre, non appena il ponte sarà pubblicato, non appena abbiamo scelto il progetto, lo invieremo immediatamente al pubblico ministero e al giudice istruttore per includere le loro osservazioni nel progetto e andarsene, siamo d’accordo con il pubblico ministero che lavoreremo in questo modo “, ha aggiunto Bucci.

    E su questo fronte c’è il commento del procuratore Francesco Cozzi. “Non spetta a noi dire quando comincerà la demolizione del ponte Morandi – dice – non appena ci sarà un piano di demolizione, saranno esaminati i consulenti tecnici del pubblico ministero e gli esperti.” Intervento, senza intaccare alcun ritardare la demolizione nel senso che la cosa deve avvenire in modo contestuale, quindi verrà eseguita il più rapidamente possibile e nel miglior modo possibile “.

    “C’è un’attività in corso per quanto riguarda le attribuzioni, un lavoro in sinergia per arrivare rapidamente, ma anche con un lavoro completo, tutto ciò che deve essere fatto”, Cozzi ribadisce ai giornalisti. “Non sappiamo quali siano i tempi definitivi di consegna del rapporto di esperti, perché potrebbe essere che, a causa del numero di esposizioni, superiore alle diapositive originariamente pianificate, ma non di molto, l’esame e quindi anche la relazione degli esperti che il Gip ha nominato: A quel punto, gli obblighi successivi saranno visti in base alla relazione degli esperti sullo stato del ponte “, spiega Cozzi, commentando il rischio di una possibile estensione nei tempi per il rilascio del ponte.