Home POLITICA POLITICA ITALIANA Prescrizione, Zingaretti: “Italia Viva lavora per Salvini”

Prescrizione, Zingaretti: “Italia Viva lavora per Salvini”

Ultimo aggiornamento 15:19

Dico basta a questo tormentone della prescrizione che sta facendo perdere troppo tempo all’Italia. E basta perché se c’è la volontà politica la soluzione è a portata di mano. Capisco che i sondaggi vanno male, ma prima di tutto bisogna pensare agli italiani e non a se stessi. Vedo che Salvini, Meloni e Berlusconi ormai stanno zitti, forse perché l’opposizione per loro la sta facendo qualcun altro e questa situazione sta diventando veramente insopportabile. Ma non per il Pd, ma per gli italiani che chiedono un governo di persone serie“.
Presentando un’iniziativa della Regione Lazio, Nicola Zingaretti è tornato sulla prescrizione, soprattutto, sui ‘mal di pancia’ di Matteo Renzi. “Italia Viva ha voluto il governo con il M5S – rimarca il segretario del Pd – A parole è nata per allargare il campo democratico ai moderati contro Salvini. Oggi è invece la principale causa di fibrillazione e sta facendo un favore a Matteo Salvini“.
Riguardo poi la ventilata mozione di sfiducia che Italia Viva non avrebbe problemi a presentare nei confronti del ministro della Giustizia, Bonafede, il governatore del Lazio sbotta: “Se un partito presenta una mozione di sfiducia al governo di cui fa parte la risposta è nelle cose. Credo che siamo arrivati a un insopportabile teatrino della cattiva politica di cui gli italiani no ne possono più“.

M5s: “Grazie a Bonafede abbiamo fatto tanto”

Ovviamente la questione precrizione – così come la sfiducia a Bonafede – ha investito in pieno il M5s, sul cui blog si legge: “Niente più giochi di Palazzo, niente più politica che difende i suoi privilegi e si guarda l’ombelico, ma temi, interventi concreti e cose da realizzare oggi. Tra queste persone c’è sicuramente Alfonso Bonafede. Grazie alla sua determinazione e ostinazione – riporta ancora il blog – da quando siamo al governo abbiamo dato al Paese la legge anti corruzione, il codice rosso, introdotto carcere per i grandi evasori e lo stop alla prescrizione. Adesso abbiamo alla portata un’altra riforma fondamentale per la giustizia: quella del sistema penale. I cittadini italiani hanno diritto a processi più brevi e alla certezza della pena. Noi andiamo avanti lungo questo percorso di civiltà, orgogliosi di quello che stiamo facendo nell’interesse della collettività. Indietro non si torna, non con noi”.

Crimi: “Non capiamo l’atteggiamento di Iv”

Avvicinato dai cronisti, il capo politico del Movimento, Vito Crimi, ha tenuto a sottolineare che “L’atteggiamento di Italia Viva non lo comprendiamo. Non comprendiamo se sta facendo l’opposizione al posto di Salvini, Meloni e Berlusconi. In ogni caso se vuol fare qualcosa di buono per gli italiani può mettersi a lavorare con noi per la riforma del processo penale, per ridurre i tempi. Questo è il momento di lavorare per dare processi più rapidi e giusti, è questo – ha esortato il capo politico del M5s – ciò che interessa ai cittadini e su questo bisogna concentrarsi. Quindi basta polemiche, chi vuole farle ci dica se vuole ridurre i tempi dei processi: noi ci siamo e la riforma è pronta. In quest’anno e mezzo con il ministro Bonafede abbiamo fatto, nella giustizia, qualcosa di straordinario: la legge anti corruzione, il carcere per i grandi evasori, il codice rosso e adesso lo stop alla prescrizione”.
Max