Home ATTUALITÀ BREAKING NEWS “Pronto un attentato contro di me”, Raggi choc. Poi la ‘proposta indecente’:...

    “Pronto un attentato contro di me”, Raggi choc. Poi la ‘proposta indecente’: fondi per aprire un’attività

    Ultimo aggiornamento 19:36

    In realtà non è una notizia nuova o, perlomeno, che fosse nel mirino della criminalità che imperversa nella Capitale, era risaputo. Tuttavia Virginia Raggi, in occasione di un’intervista in occasione dei ritorno del ‘Maurizio Costanzo Show’, ha tenuto a ricordarlo, ma aggiungendo stavolta una notizia in più.

    Raggi: “La gente mi incoraggia ma al tempo stesso poi si nasconde”

    ”Dopo gli abbattimenti delle villette al Quadraro, io vivo sotto scorta – ha infatti ricordato la prima cittadina di Roma – siamo venuti a sapere che stavano pianificando un attentato contro di me e la mia famiglia. A Ostia stiamo combattendo contro gli Spada, a San Basilio contro il clan Marando. Ci sono zone di Roma dove si avvicinano per dirmi di andare avanti ma poi si allontanano perché hanno paura di farsi vedere dai clan”.

    Raggi: “Il Covid uccide due volte: il governo metta mano al portafogli”

    Oltretutto, ha aggiunto la Raggi in merito alla difficile situazione che stiamo vivendo, ’’Abbiamo ricominciato a vedere un decreto dietro l’altro e questo non consente alle persone di capire e organizzarsi, i ristoranti sono in grande confusione. Abbiamo famiglie e lavoratori che non sanno dove sbattere la testa. Il Covid uccide due volte sia come malattia sia economicamente. Il Governo metta mano subito al portafogli. A Roma i Casamonica sono nati con l’usura e la criminalità arriva velocemente

    Raggi: “Un fondo rotativo per chi vuole aprire un’impresa”

    Quindi, complici anche gli ‘entusiasmi costruttivi’ dettati dalla campagna elettorale, la sindaca ha infine annunciato che ’’In settimana presenteremo un Fondo rotativo da 3 milioni di euro per chi vuole aprire una impresa”, una proposta forse in altri tempi appetibile, oggi sicuramente ‘indecente’, Covid a parte, anche per l’enorme pressione fiscale che questo comporta. Infatti concludendo la Raggi, quasi contraddicendosi, lancia una sorta di appello: “Chi ha la possibilità sostenga gli esercizi commerciali’’.

    Max