Home ATTUALITÀ BREAKING NEWS Quando arriva la cassa integrazione? L’Inps: “Entro venerdì 12 giugno tutti i...

Quando arriva la cassa integrazione? L’Inps: “Entro venerdì 12 giugno tutti i pagamenti”

Ultimo aggiornamento 08:58

Quando arriva la cassa integrazione? L’attesa per i lavoratori potrebbe essere finita, secondo l’Inps. È arrivata infatti una dichiarazione ufficiale di Pasquale Tridico, il presidente dell’Inps, che ha confermato come entro la fine di questa settimana saranno effettuati tutti i pagamenti arretrati.

Entro venerdì 12 giugno pagheremo tutte le 419 mila domande di cassa integrazione giacenti” ha affermato Tridico a La Repubblica. ”Stiamo notando un fortissimo calo delle richieste di Cig, stimiamo un meno 50%. Un dato che mi dice che il Paese è ripartito. Finalmente”.

Quando viene pagata la cassa integrazione: venerdì 12 giugno arriva la cassa integrazione, ecco cosa ha detto Tridico presidente dell’Inps. A quanto ammonta, a chi spetta, come funziona

Tridico ha usato un’immagine forte per fotografare il momento dell’Italia. “Il Paese ‘ha avuto un infarto” ha detto il Presidente “ma l’Italia è ancora in piedi. E dobbiamo dire grazie al nostro Stato sociale se il Paese, nonostante tutto, è rimasto coeso. Dobbiamo dire grazie alla Cig, ai bonus, al Reddito di Cittadinanza’‘.

Il presidente dell’ente previdenziale ha poi spiegato i motivi dei ritardi dei pagamenti in questi mesi. “Quando un’azienda a inizio del mese inoltra la domanda di Cig, viene conteggiata come potenziale richiedente. Ma quella è solo una prenotazione di risorse. Soltanto a fine mese il titolare dell’impresa conosce il numero delle domande effettivamente da presentare, con il numero di ore lavorate“, ha chiarito.

All’Inps ci sono lavoratori straordinari che si stanno facendo in quattro per dare una risposta a tutti” ha puntualizzato Tridico. “Come quelli della Sanità hanno garantito la protezione dal virus, noi abbiamo garantito la protezione sociale. I nostri hanno lavorato a Pasqua, il 25 aprile, il Primo maggio, hanno subito minacce, insulti. Non è giusto, l’Italia deve essere orgogliosa di loro. Anche perché la Cig, al 90 per cento, è stata pagata”.