Home SPETTACOLO TV Quarta Repubblica, questa sera 1 Giugno su Rete4: intervista a Matteo Salvini,...

Quarta Repubblica, questa sera 1 Giugno su Rete4: intervista a Matteo Salvini, coronavirus, ospiti e temi

Ultimo aggiornamento 15:30

Torna questa sera, puntuale come sempre su Rete4, alle ore 21.25 un nuovo appuntamento con Quarta Repubblica, il talk show condotto da Nicola Porro. Sono ovviamente tanti gli argomenti e la ‘carne sul fuoco’ nel programma anche per questa sera, principalmente legati alla stretta attualità connessa al coronavirus ed alla fase che stiamo vivendo, tra spostamenti, riaperture e crisi economica.

Cosa succederà oggi 1 Giugno in puntata da Porro? Ecco le anticipazioni della puntata odierna di Quarta Repubblica.

Quarta Repubblica, questa sera 1 Giugno su Rete4

Il giornalista Nicola Porro oggi 1 Giugno intervista il leader della Lega Matteo Salvini, ovviamente sui principali temi di stretta attualità politica, economica e sociale. Si parlerà dell’emergenza a tutto tondo, dalle difficoltà degli italiani sino alle regole degli spostamenti, passando per i dati sulla diffusione del virus.

Nel corso della serata, spazio all’inchiesta sul magistrato Luca Palamara e alla crisi economica prodotta dalla pandemia di covid-19. Un approfondimento come detto ci sarà sulla riapertura dei confini regionali che parte per tutto il territorio nazionale il prossimo 3 giugno, con uno spazio sulle critiche alla Regione Lombardia per la gestione dell’emergenza sanitaria.

In studio, tra gli ospiti, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, i deputati Andrea Ruggieri (Forza Italia), Emanuele Fiano (Pd), Riccardo Magi (+Europa Radicali), il primario di Anestesia e Rianimazione generale dell’ospedale “San Raffaele” di Milano Alberto Zangrillo, l’esperta di lavoro autonomo e presidente di CoLAP Emiliana Alessandrucci e i giornalisti Alessandro Sallusti, Piero Sansonetti, Daniele Capezzone e Francesco Maria Del Vigo.

Nel corso delle tre ore di diretta, vari servizi e approfondimenti sulla rotta balcanica via di accesso all’Europa anche per i nordafricani, sulla desertificazione dei centri storici delle città d’arte e sullo spaccio di droga che imperversa malgrado i controlli anti-assembramento.