Raggi: “Pubblicazione dati minorenni da parte di uffici del Municipio VIII è inaccettabile”

    Ultimo aggiornamento 00:00

    “La pubblicazione dell’atto sul portale web di Roma Capitale, in cui vengono riportati i dati sensibili di una bambina, costituisce una grave violazione della privacy e della tutela dei minorenni. Il documento è stato inserito sull’albo pretorio da parte degli uffici del Municipio VIII. Abbiamo avviato gli accertamenti finalizzati a individuare precise responsabilità”. Così in una nota la sindaca d Roma Capitale Virginia Raggi.

    “Condanniamo con fermezza ogni azione che possa, in qualche modo, ledere i diritti di minorenni o generare qualsiasi forma di discriminazione. L’Assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale Laura Baldassarre e il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Lazio Jacopo Marzetti stanno lavorando in forte sintonia per sviluppare iniziative e percorsi che rafforzino tutele e diritti”.

    “Il superiore interesse dei minorenni rappresenta l’unica bussola che orienta sempre le nostre azioni e le nostre decisioni. La Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia traccia costantemente le direttrici lungo cui ci muoviamo. In quest’ottica tutti i servizi vengono sempre garantiti ai bambini”.

    “Voglio essere molto chiara: le analogie con altre Amministrazioni costruite da alcuni organi di informazione sono del tutto fuori luogo. La decisione del Municipio VIII di pubblicare l’atto è inqualificabile e inaccettabile. La nostra azione politica si basa sul contrasto a ogni forma di razzismo e discriminazione. Allo stesso tempo la privacy dei minorenni deve essere sempre garantita. Continueremo a lavorare con forza per i diritti e per l’inclusione”, conclude la Sindaca.