Roma è tutta una festa d’eventi a Natale

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Una lunga serie di iniziative nei giorni di festa nella Capitale. Roma stessa è tutta una festa a Natale. Perchè stare insieme è una festa di per sé e in questi termini gli organizzatori devono averla immaginata. Come visto nei giorni scorsi sono tanti gli eventi che nei giorni di festa aspettano romani e turisti. Eccone alcuni.

    Al Mattatoio è in corso fino al 6 gennaio Emerging Talents, il primo e unico festival in Italia che punta l’attenzione sui fotografi emergenti più talentuosi al mondo. Mostre, incontri e workshop per conoscere la fotografia contemporanea in Italia e all’estero. Un progetto espositivo che promuove i fotografi già protagonisti di importanti riconoscimenti internazionali le cui opere sono esposte per la prima volta in Italia.

    La Pelanda presenta l’undicesima edizione del Talent Prize, il premio promosso da Inside Art e ideato da Guido Talarico. Esposti nel Teatro 2 e Foyer 2 dello spazio romano le opere della vincitrice del Talent Prize, dei nove finalisti e dei premi speciali selezionati dai principali sostenitori del concorso. L’esposizione, a cura di Fabrizia Carabelli ed Elena Pagnotta, si presenta come un percorso eterogeneo che mostra quelle che sono le ricerche e le tecniche sperimentate negli ultimi anni dagli artisti under 40. Un panorama vasto ed esaustivo che dà spazio a installazioni, sculture, dipinti, video e lavori sonori che dialogano in modo armonico nelle due ampie sale del museo capitolino.

    All’Auditorium Parco della Musica, nella Sala Santa Cecilia venerdì 21 dicembre alle 20.30 e sabato 22 alle 18 l’Accademia di Santa Cecilia propone il secondo appuntamento con Manfred Honeck , sarà nuovamente alla guida dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, per accompagnare il pubblico ceciliano alle soglie delle festività natalizie. Il Direttore austriaco proporrà un programma a lui particolarmente congeniale, tutto incentrato sulla produzione musicale teatrale, omaggio alla Vienna fin de siècle. Inizio sfavillante con l’Ouverture dell’Operetta Il Pipistrello, una delle più celebri di Johann Strauss, per poi passare al virtuosismo del Concerto n. 1 di Carl Maria von Weber che vedrà protagonista Alessandro Carbonare, Primo clarinetto solista dell’Orchestra di Santa Cecilia. Il travolgente ritmo di valzer di Hereimspaziert op. 518 di Carl Michael Ziehrer – uno dei più brillanti rivali dei fratelli Strauss – trasporterà idealmente tutti a un ballo alla Corte imperiale di Vienna e ancora all’insegna dell’agilità musicale dell’operetta, sarà la maestosa Ouverture del Poeta e Contadino di Franz von Suppé, prima della conclusione della serata con la Suite – arrangiata dallo stesso Honeck – tratta dall’opera Rusalska di Dvorák.

    Settimana prenatalizia all’Auditorium Parco della Musica in cui si inizia a entrare nel vivo della programmazione delle feste. Molte le proposte: da Indaco Project il 21 dicembre fino ad arrivare al primo doppio appuntamento 22 e 23 dicembre con la carta bianca a Luca Barbarossa in cui il cantante romano racconterà e canterà la sua Roma di oggi e di ieri insieme a numerosi ospiti a sorpresa. Domenica 23, infine, un altro artista romano in scena Massimo Di Cataldo. La settimana segna anche l’inizio del tradizionale Roma Gospel Festivalcon tre serate consecutive insieme a uno degli ensemble più amati del mondo: Walt Whitman’s Soul Children of Chicago il 21,22,23 dicembre. Proseguono le attività del Villaggio di Natale con il mercatino e la pista di ghiacciotutti i giorni dalle 11 alle 20 la pista fino alle 24.