Roma in festa, percorsi appuntamenti e storia

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Nell’inserto di DOVE si raccontano tutti gli eventi principali in divenire nel nome del concetto di Roma in festa e di appuntamenti diversi tra loro.
    Roma raccontata tramite un percorso di eventi e spettacoli.
    Nella rivista DOVE arriva una mappa della città che evidenzia i percorsi alternativi dello sport e dello shopping: dalla maratona di Roma fissata ad aprile, alle vie più cool per gli appassionati di moda con un accento sul vintage. Tutte le informazioni per raggiungere il dedalo di strade che tra via del Governo Vecchio, via del Pellegrino e via di Monserrato, spalancano la “rive gauche” romana di sapore bohémien: giovani maestri orafi, donne artigiane e articoli raffinati.
    Ma anche le nuove tendenze di via dei Serpenti e via Urbana, dove trionfano le creazioni del made in Rome. Nei pressi, il Mercato Monti dell’omonimo quartiere anima il fine settimana con i suoi “pezzi” da collezione, un bel preludio all’iniziativa “Nel weekend l’arte si anima”, che vede l’apertura a rotazione di uno dei Musei Civici al costo simbolico di un euro, fino al 6 gennaio, per poi riprendere a maggio con le mostre e le iniziative della “Notte dei Musei”.
    Roma è tutto questo, e anche di più: riflettori puntati sul Tevere, e sui mille modi di “vivere” il fiume, tra proiezioni cinematografiche sotto le stelle e chioschi estivi dell’Isola Tiberina, pedalate e jogging sulle banchine e, poco oltre, la “fabbrica del sapere” dell’ex Mira Lanza, trasformata in spazio d’arte e cultura.
    Senza dimenticare gli itinerari studiati per le famiglie e i luoghi a misura di bambino, quella presentata è una capitale moderna e cosmopolita, che fa da humus a nuovi trend del lifestyle. Tutti a portata di visitatore.

    “Un’indagine condotta da Ipsos fra i turisti americani, tedeschi e giapponesi nel mese di novembre scorso, inquadra Roma come tappa obbligata per chi visita l’Italia, e in cima alle preferenze di chi si appresta a scegliere una meta. Uno su quattro, inoltre, dichiara che tornerà a Roma nei prossimi 5 anni. Sempre nel range dei turisti provenienti da questi tre Paesi, il 54% di loro, una volta in patria, esprime sulla Capitale un voto che oscilla tra 9 e 10. Fra quanti hanno acquistato la card turistico-culturale RomaPass tra luglio e settembre 2018, emerge tuttavia una conoscenza parziale del patrimonio artistico capitolino: sul podio dei monumenti più gettonati, Colosseo, Fontana di Trevi e Pantheon. Il nostro impegno – conclude Cafarotti – si concentra quindi sulla valorizzazione di percorsi alternativi, sostenibili, inconsueti. Gli spunti di visita proposti da ‘Roma in Festa’ vanno proprio in questa direzione. Perché a Roma ogni viaggio è possibile”.