Home CRONACA CRONACA ITALIANA Roma, Pietralata: si “impossessano” della strada pubblica. Il Comune se la riprende

Roma, Pietralata: si “impossessano” della strada pubblica. Il Comune se la riprende

via del Carbonio

Tra le bizzarre vicende che si alternano per le strade della Capitale, “città aperta” nel capolavoro del neorealismo rosselliniano, capita di imbattersi nella “chiusura” e appropriazione di strade pubbliche da parte di alcuni impavidi residenti. Era già successo qualche anno fa all’Arco degli Acetari, a due passi da Campo de’ Fiori, ed è ricapitato, qualche periferia più in là, in via del Carbonio, zona Pietralata.

Più che scanzonati e un po’ “burini”, alla romana maniera, alcuni abitanti della zona avevano sbarrato con un cancello la strada e, ovviamente, riservato le chiavi per pochi. La struttura abusiva bloccava un accesso agli altri abitanti del quartiere (quelli senza il beneficio del pass, per intenderci) al parco Pertini, polmone verde della zona inaugurato nel 2019 in un’area “altissimamente edificata”.

La suddetta via del Carbonio, in realtà, in passato era stata privata. Ma, come ricorda il Corriere della Sera, nel 2014 “era stata ceduta al Comune”, dopo un indennizzo destinato a quei residenti che per anni hanno continuato a trattare un bene pubblico come un bene personale. “Una storia che ha dell’incredibile”, ha scritto su Facebook la sindaca di Roma Virginia Raggi, intervenuta ieri sul posto (con qualche anno di ritardo) con gli operai per “ripristinare la legalità”: ovvero, con smerigliatrice e gru, “sradicare” il cancellone e riconsegnare la strada ai cittadini.

Un’azione resa possibile grazie alle denunce e al contributo dei comitati di quartiere, piccoli motori fondamentali della società e della partecipazione dal basso, di cui Roma è senza dubbio la Capitale mondiale. Per numero e necessità perché, senza di loro, se ti “rubano” la strada e aspetti le istituzioni, “famo notte”.

Mario Bonito