Roma, sette arresti per associazione a delinquere

    Ultimo aggiornamento 00:00

    I soldati del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Roma hanno arrestato 7 persone e hanno notificato l’obbligo di rimanere un altro soggetto, indagato come appartenente a un’associazione criminale finalizzata alla commissione di una varietà di reati di bancarotta fraudolenta, auto-riciclaggio e aggravato frode contro lo Stato.
    Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica capitolina, sono nate dal fallimento della “VIRGILIO Srl”, dichiarata alla fine del 2014 dal Tribunale locale, utilizzata dai membri della famiglia LORETI per gestire l’omonimo ristorante situato nella piazza centrale di Campo de ’Flowers.
    Le intuizioni conseguenti hanno permesso di constatare che il “gruppo LORETI” ha assunto nel tempo una posizione di leadership nel settore della ristorazione, avendo acquisito il controllo di due ristoranti in Piazza Campo de ’Fiori, uno in Piazza San Cosimato, uno in Vicolo del Cinque, uno in Via del Governo Vecchio, uno in Piazza Malva e uno – in una prestigiosa area panoramica – a Monte Mario.
    Le indagini dei soldati del Market Protection Group dell’unità di polizia economico-finanziaria, sviluppate attraverso l’audizione di persone informate sui fatti, intercettazioni telefoniche e telematiche, indagini contabili e indagini finanziarie complesse, hanno svelato ciò che l’Autorità giudiziaria ha definito ” Metodo LORETI “, consistente nell’acquisizione di società e società gravate da debiti, nell’aggravamento di questi debiti dal mancato pagamento di imposte, fornitori e dipendenti e, infine, nel trasferimento di tutte le attività produttive di reddito ad altre società , istituito appositamente. Tutto questo attraverso il ricorso sistematico ai “candidati” per “schermare” i veri proprietari / gestori delle aziende.
    Dominus dell’organizzazione criminale era LORETI Leonardo, emigrato a Dubai nel 2015, coadiuvato, nella gestione delle attività, dai fidati collaboratori GAROFALO Andrea e XHIAJ Arber, quest’ultimo originario dell’Albania.
    Un ruolo fondamentale è stato svolto, inoltre, dalle tre sorelle del protagonista della trama – Alessandra, Monica e Cecilia -socie di uno studio che ha costituito la base logistica dell’associazione ed è stato responsabile della soluzione di ogni problema amministrativo.
    Le azioni delle compagnie erano state fittiziamente iscritte a CASINI Franco e DI GENNARO Maurizio, i quali, privi di adeguate fonti di reddito, apparivano come compratori ufficiali di società per il pagamento di centinaia di migliaia di euro.
    Dopo aver deviato le risorse finanziarie necessarie all’acquisizione di nuove attività commerciali e portato le “vecchie” società al decotto, l’associazione procedette alla rimozione o distruzione della società e alla documentazione contabile, al fine di prevenire la ricostruzione delle dinamiche infragruppo . Finora, tre società sono state dichiarate fallite, per un totale di oltre un milione di euro di danni ai creditori e, in particolare, al Tesoro.
    Un altro comportamento illecito emerso durante l’inchiesta, sintomatico della mancanza di scrupoli dei sospettati, riguardava l’uso di auto acquistate in Italia ma successivamente esportate e re-immatricolate in Bulgaria, sulla base di un contratto di vendita simulato con una società locale con sede in quel Paese . Questo al fine di evitare di pagare la tassa di proprietà e di eludere le sanzioni per violazioni del codice della strada.
    “I sospettati – leggiamo nella misura restrittiva – sono costantemente e attualmente dedicati a svolgere attività economiche” tossiche “in grado di determinare l’inquinamento del settore dell’intervento economico alterando l’equilibrio di una sana e corretta competizione di mercato, causando anche danni al spesa del Tesoro “.