Roma, sotto Natale il piano antitruffe al Colosseo

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Il Comune di Roma ha completato le misure per migliorare l’uso dell’area del Colosseo, in particolare contro le false guide turistiche, il saltatila, i bagarini e i venditori ambulanti illegali. Una sorta di piano antifrode che inizierà il 22 dicembre ed è stato presentato oggi dal vice sindaco di Roma Luca Bergamo, intervenendo alla presentazione del Piano di Sicurezza del Parco Archeologico del Colosseo illustrato dalla direttrice Alfonsina Russo, alla presenza del Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Alberto Bonisoli.

    “Ci sono una varietà di interventi di diversa natura – ha detto Bergamo – alcuni riguardano le informazioni per chi arriva nell’area”. Tra gli interventi riguardanti quelli che arrivano dalla Via dei Fori imperiali ci sarà “un aumento della segnaletica che renderà più visibile il centro informazioni su Via dei Fori con un incremento delle sue funzioni”.

    Ma non solo, perché anche il cantiere della metro “sarà utilizzato per dare informazioni visibili in più lingue che indicano la posizione del centro, le biglietterie e i prezzi”. Inoltre, ha detto Bergamo, “è previsto un intervento sulla stazione della metropolitana Colosseo, con un restyling interno, una trasformazione della stazione con informazioni sui servizi: dove sono, cosa sono e relativi prezzi, il tutto in multi-lingue e lungo un percorso che andrà dalla banchina fino all’esterno “.

    È prevista anche la riorganizzazione dello spazio esterno della stazione della metropolitana Colosseo, “in cui verranno verificate le condizioni delle attività con i permessi commerciali che hanno ecceduto, con l’intervento della polizia locale già disponibile”.

    Simile a quello di via dei Fori imperiali, chi arriverà da via di San Gregorio avrà il suo sistema informativo. Invece di alleggerire la pressione di molte persone in Piazza del Colosseo, il vicesindaco ha spiegato che con la direzione del Parco è stato “sviluppato un dispositivo di ingresso non più frontale, con la fila non più nella zona tra il Colosseo e l’accesso ai forum, ma seguendo il perimetro esterno del monumento. Ciò significa che le persone si stanno allineando in un’area recintata, divisa da chi fa attività illegali sulla piazza e questo crea anche le condizioni per le quali il gruppo locale di polizia può agire con maggiore efficacia”.

    Riguardo allo stallo delle botticelle che insiste sul lato di Via di San Gregorio, “il piano della polizia locale è in fase di approvazione, ma è stato disposto di spostarlo perché è un elemento di confusione”. D’altra parte, nello studio altre misure come l’accesso della struttura pedonale al personale che avverrà “al fine di distinguere le persone che arrivano da coloro che sono in servizio”. Le misure del piano antifrode che riguardano il sistema informativo saranno attive già il 22 dicembre, mentre altre misure – conclude il vicesindaco – arriveranno dopo”.