Salvini e la Nutella: con questi attacchi governo 30 anni

    Ultimo aggiornamento 00:00

    La polemica di Natale continua ad avere il sapore dolce della famosissima crema spalmabile alla nocciola, per Matteo Salvini, al quale la colazione sembra non essere stata affatto indigesta nonostante la pioggia di critiche piovutegli addosso sui social. Sono stati infatti tantissimi gli attacchi rivolti al ministro dell’Interno nella mattina di Santo Stefano, che come lui stesso ha documentato su Twitter con una foto, iniziava “con pane e Nutella”.
    Il problema è che, secondo molti, in concomitanza del terremoto in Sicilia, e dell’omicidio del familiare di un pentito, il vicepremier non avrebbe dovuto fare sfoggio della sua felice colazione. Il ministro si è difeso in serata su Facebook: “Mi piace la Nutella, e se questi sono gli attacchi rimarrò al governo per 30 anni”.

    L’offensiva parte dal Partito Democratico. Il candidato alla segreteria Nicola Zingaretti ricorda che “la protezione dei pentiti e dei loro parenti è essenziale per combattere le mafie, ma oggi ci svegliamo e leggiamo che a Pesaro c’è un morto. Il ministro degli Interni che si fa selfie demenziali, per distrarre l’attenzione, ha paura e scappa dalle sue responsabilità.”

    Il vicepresidente della Camera di Ettore Rosato grida “vergogna”: “Il senso dello stato dovrebbe venire prima di tutto e invece il ministro ci informa che fa colazione con Nutella”. Anche il sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, ironizza: “Caro Ministro Salvini, c’è la città di Pesaro travolta dall’omicidio di un uomo sotto protezione, fratello di un collaboratore di giustizia. Quando ha finito il pane e la nutella vorremmo avere alcune informazioni e rassicurazioni “.

    Pietro Grasso, Senatore di Liberi e Uguali chiede al ministro “meno tweet e più dossiers, la sicurezza dei cittadini dipende anche dalle vostre decisioni”. Anche il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, va all’attacco: “Mentre Salvini ha messo la sua faccia sporca di Nutella a colazione sui suoi social network – osserva – donne e uomini del Ministero dell’Interno scavano per il terremoto sull’Etna e altri sono alle prese con l’omicidio di un fratello di un collaboratore di giustizia, difendiamo il cioccolato! ”

    Irritato dallo spazio che i media hanno dato alla” polemica Nutella “, il ministro si collega nel tardo pomeriggio su Facebook dal balcone della casa dei suoi genitori a Milano. “Un pensiero ai politici e giornalisti di sinistra che vivono male anche durante le vacanze, oggi per molti siti il ??problema è stato Salvini, che fa colazione con pane e nutella. Ci sono persone che hanno rubato e mangiato caviale e champagne. Se questi sono gli attacchi, stiamo al governo per 30 anni “.
    Il vicepremier rivendica quindi la sua debolezza per la famosa crema spalmabile: “Confesso questo mio torto: mi piace la Nutella e il cioccolato”. E sottolinea che la sua “dolce” colazione non gli ha impedito di affrontare i problemi del Paese. “Ho seguito – spiega – dalle prime ore dell’alba quello che è successo in Sicilia e domani, a differenza di alcuni politici di sinistra che criticano Salvini e saranno sul divano a vedere la televisione, andrò a Pesaro, in Sicilia e poi a Roma dove la Camera inizia la discussione sulla manovra “.