Home SPETTACOLO MUSICA Sanremo, Amadeus: “Quote rosa in gara? No, scelgo la canzone in base...

Sanremo, Amadeus: “Quote rosa in gara? No, scelgo la canzone in base alla belelzza”

AMADEUS AMEDEO SEBASTIANI PRESENTATORE

Al prossimo festival di Sanremo non ci saranno quote rosa. Lo ha confermato Amadeus, che per la terza volta sarà il conduttore, a un panel della Milano Music Week. La proposta è stata lanciata dalla Fimi, ma al momento non è stata accolta. Amadeus è stato chiaro, ‘unico metro di giudizio sarà la bellezza delle canzoni.

Lo ha spiegato il conduttore: “Con grande rispetto non sono d’accordo: non ho mai scelto una canzone in base al sesso dell’artista, sarebbe un grave errore, scelgo la canzone in base alla bellezza. Ci sono sempre presenze femminili importanti perché hanno brani forti. Ma non vedo perché devo dare una quota alle donne, sarebbe quasi offensivo nei loro confronti. La musica è arte, e nell’arte non puoi creare zone prestabilite”.

In attea del festival di Sanremo, è partito quello Giovani, dove la proposta musicale è stata prettamente maschile. Amadeus spiega il motivo: “Se tra i Giovani su 800 candidati ci sono 200-300 donne non è colpa mia, di queste 300 spero che ci siano brani buoni, e ci sono sempre presenze importanti di donne. Ma ti devi lasciar guidare dalle emozioni, dalla vera onestà. Ci sono donne fantastiche in tutti i festival che hanno dato filo da torcere agli uomini: è questa la cosa più importante”.

Il conduttore di Sanremo lancia poi una frecciatina alle case discografiche, al vertice composte quasi esclusivamente da uomini: “La proposta potrebbe partire dalla stessa industria discografica: sono tutti uomini ai vertici, c’è solo Caterina Caselli alla Sugar, eppure ci sono donne bravissime. Le stesse associazioni musicali hanno tre uomini alla guida: se si tratta di un segnale importante, è giusto che parta dalla grande discografia o dalle associazioni musicali”.

“Fiorello? – conclude Amadeus -. Lo conosco da 35 anni e qualsiasi cosa faccia, lo so una settimana prima: ho fatto due festival con lui ed è stata una gioia, perché è come se fosse mio fratello. Mi auguro decida di essere anche nel terzo, lo deciderà lui, in questo momento sta facendo teatro… In qualsiasi momento le porte sono spalancate”.