Home ATTUALITÀ BREAKING NEWS Sanremo 2020: Diodato, Elodie e Gabbani i favoriti alla vittoria finale

Sanremo 2020: Diodato, Elodie e Gabbani i favoriti alla vittoria finale

Ultimo aggiornamento 19:41

Arrivati a questo punto la domanda è sempre quella: chi vincerà Sanremo 2020? Beh anche qui, come sempre, si ricorre al ‘solito’ distinguo: una cosa è chi vincerà e l’altra chi invece poi avrà maggior seguito di pubblico. Senza stare a scomodare i soliti Vasco Rossi, Zucchero, o Minghi (a loro tempo giunti tra gli ultimi in finale e poi invece primi nelle classifiche di vendita), seppure qualche volta è capitato che il festival ci ‘abbia visto bene’, in realtà c’è sempre questa distonia fra i votanti ed i fruitori delle canzoni in gara.

Premesso che ciascuno di noi ha i propri gusti (e dunque una classifica personale), che possono in parte influenzare nella scelta, abbiamo deciso di prendere in esame quanto espresso dai bookmaker che lanciano le quote sotto l’egida di Sisal Matchpoint. Ripetiamo: noi non condividiamo ma è giusto comunque ‘assecondare’ la volontà popolare. Certo, ad esempio, è difficile far capire cosa è riuscito a scrivere Rancore e, soprattutto a cantare in una manciata di minuti, ma il Festival è altro…

Sanremo 2020: i bookmaker non lasciano spazio alle sorprese

Dunque vediamo la probabile classifica finale secondo le percentuali, ‘riviste’ dopo i successi decretati dai duetti delle cover:
Elodie (quotata a 6.00), Diodato (6.00), Francesco Gabbani (7.50), I Pinguini Tattici Nucleari (9.00), Le Vibrazioni (9.00), Piero Pelù (9.00), Tosca (12.00), Anastasio (12.00), Achille Lauro (16.00), Alberto Urso (20.00), Giordana Angi, Irene Grandi e Levante (33.00), Marco Masini, Raphael Gualazzi e Michele Zarrillo (35.00), Elettra Lamborghini, Enrico Nigiotti, Paolo Jannacci e Rita Pavone (50.00), Riki, (66.00), Bugo e Morgan e Junior Cally e Rancore (100.00).
Altro ‘capolavoro’ poi anche il Premio della Critica intitolato a Mia Martini, dove i favoriti sono Tosca e Diodato, entrambi quotati a 3.00. Ma, almeno qui, non è esclusa una sorpresa se qualche giornalista ‘snob’ avrà cura di liberarsi l’orecchio dal prosciutto…

Max