Home ATTUALITÀ Scuola, De Luca: “Non è possibile aprire in condizioni attuali”

Scuola, De Luca: “Non è possibile aprire in condizioni attuali”

Ultimo aggiornamento 07:54

Sono molte le voci, istituzionali e non, che in queste ore e giorni sul tema scuola e sulla riapertura si stanno sollevando, portando all’attenzione tutta una serie di problematiche che lascerebbero, in questo senso, molti dubbi in merito alla fattibilità di un regolare ritorno tra i banchi.

In questa ottica sembrano inserirsi anche le parole del numero uno delle regione Campania, De Luca. Il governatore campano infatti ha sostenuto che “non è possibile aprire in condizioni attuali”.

Scuola, presidente Regione Campania De Luca: “Non è possibile aprire in condizioni attuali”

“Da qui a una, due settimane saremo chiamati a prendere decisioni importanti. Pensate all’apertura dell’anno scolastico: nelle condizioni attuali non è possibile aprire“. Sono le parole del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, nel corso di un meeting a Salerno sulla legge regionale dello psicologo di base.

“Non so quello che saranno in grado di fare nelle prossime due settimane – ha continuato De Luca – ma avremo scelte complicate da fare”.

Aggiornamento ore 1,10

I sindaci della Campania: “Rinviare apertura al 24 settembre”

Vincenzo De Luca prosegue con la sua visione complessiva. “Mentre noi decidiamo che la quarantena è obbligatoria per chi rientra ed è in attesa del tampone, nelle regioni del Nord non lo è. Sono cose da pazzi”, ha dichiarato. “Dobbiamo mantenere un elemento di rigore e di prudenza in più rispetto ad altri territori – ha sostenuto De Luca – noi ci siamo impegnati a garantire la sicurezza e così sarà, anche in questa fase. Stiamo intervenendo dappertutto e andiamo a cercare noi i positivi. Disarmati, senza oggetti di guerra, ma dobbiamo individuarli. Abbiamo isolato alcuni focolai che potevano essere pericolosi come a Sant’Antonio Abate, una cosa incredibile legata a una struttura per il tempo libero, la Sonrisa”.

aggiornamento ore 6.00

“C’era un focolaio, abbiamo fatto uno screening su tutta la popolazione, 13mila persone. Lo abbiamo fatto perché se c’è un problema devi affrontarlo, devi guardarlo in faccia, non nascondere la testa sotto la sabbia, altrimenti te lo trovi moltiplicato per 10 dopo”, ha proseguito De Luca.

E’ particolarmente nota, del resto, soprattutto a seguito di tutta una serie di vibranti prese di posizioni durante la fase del lockdown, la fermezza di De Luca in termini di contenimento e lotta al coronavirus. In questo senso, al di là della popolarità di diversi suoi video messaggi, diventati virali sui social, il governatore della Campania ha rappresentato un vigoroso rappresentante di quella componente politica in prima linea nei riguardi delle modalità più rigorose relative al distanziamento sociale.

aggiornamento ore 8.30