Sinead O’Connor si converte all’Islam e diventa Shuhada

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Una strabiliante novità ha riguardato la cantante folk irlandese Sinead O’Connor. Ma questa novella non riguarda tanto l’uscita di un nuovo album o una nuova collaborazione musicale: piuttosto un suo cambiamento spirituale. La O’Connor infatti ha postato una foto su Twitter dove indossa un velo islamico. Segno del suo passaggio all’Islam e dell’abbandono della fede cattolica.Una notizia che ha lasciato di stucco i fan della cantante irlandese. La celebre cantautrice aveva dichiarato negli ultimi anni di soffrire di depressione, problemi personali e manie suicide, e aveva esplicitato tutte le sue inquietudini sui social. Sul suo profilo Twitter ha cambiato anche il suo nome: infatti Sinead O’ Connor non è più tale, ma ora si chiama Shuhada’ Davitt. E così Shuhada commenta: “Sono orgogliosa di essere diventata musulmana. Questa è la conclusione naturale di un viaggio di ogni teologo intelligente. Lo studio di tutti i testi porta all’Islam e rende tutti gli altri inutili. Mi sarà dato un altro nome. Il mio nome adesso è Shuhada’”. Come foto del suo account invece c’è una scritta, che richiama lo spot pubblicitario di un celebre marchio di un capo d’abbigliamento sportivo: “Indossa un hijab (un tipo di velo islamico, ndr), semplicemente fallo!”. Sinead O’Connor, 51 anni, che già nel 2017 aveva cambiato il suo nome in quello di Magda Davitt, era cattolica e la sua conversione ha creato un ampio dibattito in un Paese ancorato profondamente alle sue radici cattoliche come l’Irlanda. Ma non c’è solamente questo ‘evento religioso’ che ha sconvolto la cantante. Negli anni Novanta, infatti, la O’Connor era stata ordinata addirittura prete, passando attraverso una setta scissionista cattolica di nome Irish Orthodox Catholic and Apostolic Church. Adesso, invece, si possono trovare sul web vari video della sua conversione ufficiale alla nuova fede, incluse anche delle sue preghiere islamiche, vedi l’Adhan (che lei in un tweet chiama Azan). Forse la conversione è causa dei gravi problemi familiari e psichici che la cantautrice ha affrontato negli ultimi tempi e che hanno fatto temere molto per la sua incolumità. In rete è riscontrabile un videoclip in cui minacciava il suicidio. Oltre a ciò si denunciano sparizioni in Irlanda e negli Stati Uniti, la nostalgia per l’abbandono dai figli dopo aver divorziato dall’ex marito John Reynolds. Si aggiungano inoltrepost drammatici sui social network e manifestazioni pubbliche di solitudine e tristezza. Qualche giorno fa, però, aveva rilasciato un’intervista al Daily Mail in cui si annunciava una sua collaborazione musicale con grandi nomi del palcoscenico internazionale. Tra questi ci dovrebbero essere Ronnie Wood dei Rolling Stones, Nick Mason dei Pink Floyd e altri per un singolo di nome “One More Yard”, tributo a un giovane soldato irlandese della prima guerra mondiale, Michael Wall, e alle quasi cento lettere che spedì dal fronte.