Home SPETTACOLO TV Sky e DAZN unite contro le IPTV pirata: grande offerta contro le...

Sky e DAZN unite contro le IPTV pirata: grande offerta contro le TV illegali. Ecco quale, da quando e come

SKYDAZN uniscono le forze e lo fanno contro un unico grande nemico: la IPTV illegali. 

Parte la battaglia definitiva: tramite un accordo tra i due network che decidono di offrire una offerta imbattibile per poter seguire le partite di calcio di serie A.

Quale? E´ presto detto. Si tratta di una proposta che fa unire le forze dei due network per porre fine alla pirateria.

Sky e DAZN unite contro le IPTV pirata: grande offerta contro le TV illegali. Info su costi e condizioni

Da venerdì 20 Settembre su Sky si è acceso sulla posizione 209 del telecomando il canale DAZN1.

I clienti della tv satellitare potranno accedere ad una selezione di contenuti DAZN tra cui le partite di Serie A, Serie B e del campionato spagnolo.

Per tutti quelli sono abbonati da più di tre anni sia al ticket Sport che al ticket Calcio, l’offerta congiunta tra Sky e DAZN è completamente a costo zero.

Chi è abbonato al solo pacchetto Calcio può invece accedere ad un costo di servizio scontato: 7,99 euro al posto di 9,99 euro.

Questa é la sfida delle due pay tv al sistema dell’IPTV illegale. Segue gli interventi per far chiudere la tecnologia dello streaming illecito.

Aggiornamento ore 5,59

Infatti, una serie di blitz hanno attaccato i network che vedevano le partite gratis e illegalmente. Le tanto note e controverse IPTV pirata, protagoniste di una continua frode ai grandi network come sky gratis, DAZN e le altre pay TV stanno per essere messe al bando.

Cosa succedera´ Semplice: niente piú partite abusive, perché sono stati chiusi tanti canali illegali.

Ecco cosa è successo esattamente.

IPTV pirata, frode a sky gratis, DAZN e pay TV: niente piú partite calcio abusive: abattuta abusiva con oltre 5 milioni di utenti.

E’ stata mandata KO una Pay tv pirata: nei giorni scorsi, é stata sgominata una piattaforma abusiva che vantava oltre 5 milioni di utenti. Non solo.

Sembra, infatti, che adesso sia giunto un supporto tecnologico per arrivare a stanare tutti i fruitori delle TV pirata.

Ecco cosa é avvenuto. Oltre 100 militari del Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi Tecnologiche hanno realizzato un blitz della più importante organizzazione clandestina internazionale ideatrice della più clamorosa delle frodi televisive.

Si tratta della principale rete che si occupa della diffusione illegale via Internet. Le cosiddette IPTV (Internet Protocol Television) è stata sequestrata ed oscurata la nota piattaforma informatica Xtream Codes.

Ben otto gli ordini europei di indagine sono stati emessi nei riguardi di una associazione a delinquere a carattere transnazionale emessi dalla procura di Napoli.

Obiettivo del blitz è smantellare le centrali del network ed aggredirne i rilevanti proventi illeciti.

Enormi i i numeri complessivi: circa 5 milioni di utenti solo in Italia, sia per il volume di affari stimato di oltre 2 milioni di euro al mese.

Aggiornamento ore 8.01

E’ già da qualche tempo che in Italia la pirateria ha vita dura. Lo ha di recente spiegao il numero uno della Lega calcio italiana, De Siervo.

Esistono infatti diversi siti web che, per inciso, ritrasmettono illegamente Sky gratis in modalità pirata: queste IPTV in buona parte sono state o chiuse o attaccate.

De Siervo spiega come si é arrivati allo stop per 114 Networks. La Lega su input anche dei grandi network che di fatto finanziano il calcio italiano e cioè Sky e Dazn (il cui recente accordo in questi giorni ha semplificato la vita degli utenti), la lotta alla pirateria è cresciuta.

“La Lega Serie A esprime la massima soddisfazione per l’operazione Free Football’, portata a termine dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Brescia congiuntamente al Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi Tecnologiche della Guardia di Finanza di Roma, che ha portato alla chiusura di 114 siti internet che diffondevano illegalmente contenuti “pirata” incentrati perlopiù sulla trasmissione di partite di calcio”.

Come detto non finisce qui. I grandi network hanno lavorato con importanti strutture informatiche e tecnologiche per arrivare a criptare e rendere inaccessibile l´uso illegale del segnale e per arrivare a riconoscere l-Ip di coloro che utilizzeranno i network illegali.

Aggiornamento ore 12.11