Home POLITICA ESTERI Stati Uniti, New York Times: “Trump non ha pagato tasse per anni”

Stati Uniti, New York Times: “Trump non ha pagato tasse per anni”

Ultimo aggiornamento 14:35
DONALD TRUMP

Un nuovo scoop del New York Times mette nei guai il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Secondo quanto riportato dal quotidiano americano, Trump non avrebbe pagato tasse federali sul reddito “per almeno dieci degli ultimi quindici anni. Nel 2016 e nel 2017 invece, nei primi due anni alla Casa Bianca, avrebbe pagato solo 1.500 dollari di tasse. Il Nyt riporta che il tycoon è riuscito a eludere il fisco statunitense dichiarando maggiori perdite rispetto ai profitti nelle tante società di cui è in possesso.

Trump “è un uomo d’affari – si legge sul New York Times – che incassa centinaia di milioni di dollari l’anno, ma accumula perdite croniche per non pagare le tasse“. Un ruolo che, tra le altre cose, “lo mette in potenziale e spesso diretto conflitto di interessi con quello di presidente”.

Ad aggravare la posizione di Trump ci sarebbe anche una controversia con l’International Revenue Service (Irs, il fisco Usa) “sulla legittimità di un rimborso fiscale di 72,9 milioni di dollari che ha chiesto e ricevuto per aver dichiarato milioni di perdite”. Qualora dovesse perdere, il presidente potrebbe essere costretto a pagare oltre 100 milioni di dollari.

La replica di Trump

Preso in contropiede dal nuovo scoop poco prima di entrare in conferenza stampa, il tycoon si è difeso bollando come “fake news” le rivelazioni del Nyt. La notizia è “inaccurata”. Così anche i legali della Trump Organization, il collettivo di circa 500 società di cui Trump è proprietario, hanno definito le nuove carte. “Il presidente – hanno detto – ha pagato decine di milioni di dollari di tasse al governo federale”.

Le parole di Dean Baquet

Dean Baquet, direttore esecutivo del Nyt dal 2014, ha precisato i motivi che hanno spinto la testata a pubblicare la notizia a 35 giorni dal voto: “I cittadini devono sapere il più possibile sui loro leader e rappresentanti: priorità, esperienza e finanze”. Da Jimmy Carter (1977-1981) tutti i presidenti sono stati molto trasparenti sulle dichiarazioni fiscali, mentre Trump, nonostante le inchieste della magistratura, non le ha mai rese pubbliche.

Mario Bonito