Home SPETTACOLO GOSSIP Temptation Island 2020 slitta: non per covid-19. Cosa succede, e una coppia...

Temptation Island 2020 slitta: non per covid-19. Cosa succede, e una coppia già scoppia

Ultimo aggiornamento 12:05

Ci siamo, arriva Temptation Island 2020, anzi no. L’evento televisivo sulle coppie a rischio per via dei corteggiatori e corteggiatrici, che ha dominato anche la scena estiva, qualche tempo fa, in versione vip, in realtà non arriva, o almeno non adesso. L’appuntamento col reality slitta, ma non per coronavirus. Una coppia già scoppia e, quindi, la situazione per la produzione si è complicata.

Temptation Island 2020 slitta: non per covid-19, cosa succede

La prima puntata di Temptation Island 8 non andrà in onda mercoledì 9 settembre, in prima serata su Canale 5. Secondo quanto emerge, lo slittamento è dovuto a un clamoroso caso: una delle concorrenti avrebbe scoperto il tradimento del compagno, un tradimento del quale aveva sempre sospettato. Un impedimento che ha messo nei guai gli autori, che sono stati costretti a cambiare tutto in corsa.

Temptation Island 8 è dunque rinviato, ma il coronavirus questa volta non ha colpe. Non ci sarà nessuna puntata inaugurale per mercoledì 9 settembre, in prima serata su Canale 5: secondo i bene informati, lo slittamento sarebbe causato da un tradimento da parte di uno dei partecipanti al programma, una situazione imprevista da parte degli autori.

Temptation Island 2020, Il reality condotto da Alessia Marcuzzi sarà ambientato all’Is Morus Relais di Santa Margherita di Pula, in Sardegna. Ecco le sei coppie che decideranno il loro futuro davanti al falò di confronto. Si tratta di Alberto Maritato e Speranza Capasso, Anna e Gennaro, Nadia e Antonio Giungo, Carlotta Dell’Isola e Nello Sorrentino, Sofia e Amedeo e Serena e Davide.

Alessia Marcuzzi, in un’intervista a “Tv sorrisi e canzoni”, si è professata molto felice di questa scelta: “Sono tornata al mio primo amore con i reality fatti da persone comuni. Con Maria De Filippi ne abbiamo parlato a lungo, all’inizio pensavamo di fare un misto di coppie, famose e non famose. Poi però siamo state d’accordo che le persone si riconoscono e si identificano di più con chi somiglia ai vicini di casa, ai colleghi di lavoro”.