Home ATTUALITÀ TikTok si scusa dopo l’accusa di censurare i post per George Floyd

TikTok si scusa dopo l’accusa di censurare i post per George Floyd

Ultimo aggiornamento 10:14

TikTok si è scusato dopo essere stato accusato di censurare i post con gli hashtag #BlackLivesMatter e #GeorgeFloyd. Diversi utenti si sono chiesti perché i post con questi hashtag abbiano mostrato di avere zero visualizzazioni, con alcuni che suggeriscono che TikTok censurasse i post collegati alla campagna Black Lives Matter.

Ora, TikTok si è scusato per il problema in una comunicazione intitolata “Un messaggio per la nostra comunità nera”. Vanessa Pappas, direttore generale degli Stati Uniti di TikTok e Kudzi Chikumbu, direttore della Creator Community, hanno dichiarato: “Alla nostra comunità nera: vogliamo che sappiate che vi ascoltiamo e ci teniamo alle vostre esperienze su TikTok. Riconosciamo e ci scusiamo con i nostri creatori neri che si sono sentiti insicuri, non supportati o repressi. Non vogliamo mai che nessuno si senta così. Accogliamo con tutto il cuore le voci della comunità nera“.

Le scuse di TikTok sulla censura dei post per George Floyd: “Vi ascoltiamo e ci teniamo a voi con tutto il cuore”

Agli utenti che hanno provato a utilizzare gli hashtag #BlackLivesMatter e #GeorgeFloyd che non avevano visualizzazioni, TikTok ha spiegato che un “problema tecnico” è la colpa delle visualizzazioni zero sugli hashtag #BlackLivesMatter e #GeorgeFloyd.

Pappas e Chikumbu hanno spiegato: “Un problema tecnico ha fatto apparire temporaneamente come se i post caricati con #BlackLivesMatter e #GeorgeFloyd avessero ricevuto 0 visualizzazioni“.

Secondo TikTok, il problema ha interessato diversi altri hashtag, tra cui #cat e #dad. “Questo è stato un problema di visualizzazione. In effetti, i video con questi hashtag hanno attualmente generato ben oltre 2 miliardi di visualizzazioni, a testimonianza della loro importanza e risonanza nella nostra comunità. Tuttavia, comprendiamo che molti hanno ritenuto che questo errore fosse un atto intenzionale per sopprimere le esperienze e invalidare le emozioni provate dalla comunità nera.