Ucraina, morta l’eroina della lotta alla corruzione Handzyuk

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Un simbolo della lotta alla corruzione in Ucraina, Katerina Handzyuk, è morta ieri sera. Il 31 luglio l’attivista è stata ferita alla faccia, alle braccia e al 40% del suo corpo con acido solforico, durante un’imboscata nella sua casa. Gli undici interventi chirurgici a cui è stata sottoposta non sono stati sufficienti per salvarle la vita: è morta per le conseguenze di quell’attacco, come annunciato dal presidente ucraino Petro Poroshenko, che ha anche sollecitato la polizia a chiudere le indagini sull’aggressione. Al momento, cinque persone sono state arrestate, ma non è chiaro chi sia stato il mandante.

    Lo scorso settembre, Handzyuk, che ha anche condotto una campagna contro i separatisti filo-russi nell’est dell’Ucraina, ha pubblicato un video in cui ha esortato i suoi concittadini a sollevarsi contro la corruzione sempre più dilagante nel suo paese. Dal suo letto d’ospedale diceva: “So che non sono bella da guardare, ma si stanno prendendo cura di me, so anche che, anche se ferita, sono più attraente della giustizia in Ucraina, dal momento che nessuno si prende cura di guarirla. ”

    La sua storia ricorda quella di un’altra attivista che lavora contro il male più feroce dell’Ucraina, Tetyana Chornovol. Questa giornalista e blogger ucraina è stata picchiato a morte la vigilia di Natale 2013 da quattro ex agenti del regime ucraino di Viktor Yanukovic, sia per aver partecipato attivamente all’organizzazione di proteste pacifiche contro il regime filo-russo a Kiev che per aver svelato scandali di corruzione e illecito uso di denaro pubblico da parte delle alte autorità ucraine. Tetyana fu abbandonata incosciente sul bordo ghiacciato della strada, ma fu più fortunata di Katerina Handzyuk: fu salvata, si riprese e Poroshenko le affidò un nuovo dipartimento anti-corruzione a Kiev.