Usa, elezioni e negoziati asiatici

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Il rappresentante degli Stati Uniti per il commercio Robert Lighthizer ha espresso la fiducia che il patto finale delle elezioni di medio termine produrrà un sostegno diffuso, ma vi è ancora un sano scetticismo sul fatto che i democratici sosterranno uno dei principali obiettivi politici di Trump. Il destino dell’USMCA potrebbe essere una guida su come gli altri accordi commerciali di Trump arrivano dopo i midterms. Finora, Lighthizer ha formalmente informato il Congresso dell’intenzione di negoziare accordi commerciali con l’Unione Europea, il Regno Unito e il Giappone. La notifica significa che gli Stati Uniti possono iniziare i negoziati non appena il 14 gennaio con il Giappone e l’Unione europea. I colloqui con il Regno Unito potrebbero iniziare “non appena è pronto” dopo che ha completato la sua uscita dall’Unione Europea a fine marzo, ha detto la USTR nella sua lettera. Trump potrebbe anche aver bisogno dell’aiuto del Congresso per portare aiuti ai contadini catturati nel mezzo di una guerra commerciale con la Cina.

    Le tariffe di ritorsione imposte non solo dalla nazione asiatica ma anche da importanti partner commerciali come l’UE e il Canada, stanno danneggiando significativamente le esportazioni agricole. Non c’è fine in vista al dolore per gli agricoltori statunitensi, portando molti economisti a prevedere un cupo 2019. “All’inizio eravamo preoccupati di quanto sarebbero diminuiti i redditi agricoli”, ha detto David Widmar, un economista agricolo. “Ora siamo passati a” Per quanto tempo continuerà questa erosione finanziaria? ” Difesa Un’acquisizione democratica di una o entrambe le Camere del Congresso implicherebbe probabilmente un controllo più approfondito delle operazioni militari americane all’estero e delle priorità dell’amministrazione Trump per il bilancio della difesa. Alcuni presunti presidenti di commissione democratica hanno già telegrafato dove formeranno più attenzione per frenare o reindirizzare le priorità e le politiche delle armi degli Stati Uniti. Il rappresentante Adam Smith, democratico dello Stato di Washington in carica per assumere il potente Comitato per i servizi armati della Camera, ha detto al POLITICO che ha già un programma di controllo “aggressivo” che include domande più strenuamente sulla necessità di alcuni dei più grandi programmi di armamenti del Pentagono – inclusa una piani da molti miliardi di dollari per potenziare l’arsenale nucleare statunitense e il supporto militare USA per la guerra aerea dell’Arabia Saudita nello Yemen.