Home SPORT CALCIO Vendita As Roma: le parole di Pallotta dopo il closing, cosa ha...

Vendita As Roma: le parole di Pallotta dopo il closing, cosa ha detto l’ex presidente giallorosso

Ultimo aggiornamento 10:33

A conclusione dell’accordo con Dan Friedkin che ha sancito il passaggio delle consegne e della proprietà della As Roma, l’ormai ex proprietario e presidente James Pallotta ha voluto rilasciare alcune dichiarazioni tramite un comunicato tramite le quali ha voluto al contempo salutare Roma e la piazza sportiva da un lato e fare gli auguri di un buon lavoro alla nuova proprietà.

Ecco le parole di James Pallotta al riguardo del buon esito delle operazioni di trasferimento di proprietà della Roma.

Pallotta: “Spero che Friedkin possa portare la Roma al prossimo livello”

Il Presidente in uscita delle Roma, James Pallotta, ha voluto spendere queste parole. “Voglio solo augurare a Dan, Ryan ed a ciascuno dell’AS Roma – calciatori, staff e tifosi – buona fortuna per il futuro. Come tutti i tifosi della Roma nel mondo, mi auguro che The Friedkin Group possa ripartire da ciò che abbiamo costruito nel corso degli ultimi otto anni, trasformando la Roma in un club realmente internazionale, e portare la AS Roma al prossimo livello.”

E non solo. Pallotta ha tenuto a precisare che “AS Roma è una squadra di calcio incredibilmente speciale ed io lascio numerosi ricordi indimenticabili.”

A fare da collegamento tra le due proprietà la figura di Guido Fienga, che continuerà ad essere anche con i Friedkin il Ceo del club giallorosso. Guido Fienga, Amministratore Delegato dell’A.S. Roma, ha a tal proposito voluto dire queste parole: “Questo è un importante giorno per l’AS Roma. È un privilegio per me cominciare a lavorare a stretto contatto con Dan e Ryan. La loro passione e il loro impegno per la squadra sono indiscussi, così come le loro precedenti esperienze finanziarie e commerciali. Sono profondamente onorato di essere stato incaricato di continuare il mio lavoro alla Roma e di iniziare a realizzare il piano industriale che, nel primo anno, metterà le basi per ottenere risultati forti e sostenibili dentro e fuori dal campo”.