Home SPORT CALCIO Vidal alla Juve, operazione impossibile: ecco perché

Vidal alla Juve, operazione impossibile: ecco perché

Ultimo aggiornamento 08:26
ANDREA AGNELLI PRESIDENTE JUVENTUS

L’invito è stato sottile e puntuale: “Se mi chiamassero sarei felice”. Così Arturo Vidal ha risposto allo youtuber Daniel Habif, che gli ha chiesto un parere sulla nuova avventura di Pirlo sulla panchina della Juventus e di un suo possibile ritorno in bianconero. Il centrocampista cileno a Torino ha lasciato uno splendido ricordo, si è fatto amare da tutti. Ma un ritorno, ad oggi, non è possibile.

La Juve infatti ha finito i posti riservati ai nuovi extracomunitari in rosa, motivo per cui il cileno può solo accontentarsi di accarezzare l’idea di tornare a giocare nello stadio dove è stato acclamato per anni. Oggi Vidal è stato messo ai margini dal Barcellona, è alla ricerca di una nuova squadra. Alla Juve andrebbe di corsa, ma non si può.

“Che spettacolo Pirlo alla Juve”

Così Vidal ha parlato di Pirlo nuovo allenatore bianconero: “E’ spettacolare il fatto che sia diventato il nuovo allenatore della Juventus. Era incredibile da giocatore figuriamoci da allenatore. Se lui o la Juventus mi chiamassero sarei felice, ma devo stare tranquillo. Se succede succede. Ho grande affetto per lui e per la società bianconera”.

Intanto anche l’Inter sembra sulle tracce del cileno. A Milano, sponda nerazzurra, Vidal ritroverebbe Conte: “E’ una macchina e tatticamente è il numero uno. Mi ha adattato alla sua idea e ha dovuto cambiare un po’ il sistema”.

Infine l’analisi sul momento del Barcellona: “Se un giocatore vuole andarsene o lo vuoi vendere cercagli una squadra però non dirlo. Tutti meritano rispetto. E’ stato doloroso non arrivare in finale di Champions League ma il Barcellona deve cambiare il suo modo di pensare. Il calcio si è evoluto molto e loro sono in ritardo rispetto ad altre squadre che stanno migliorando sotto altri aspetti”.