Home SPETTACOLO Vieni da me, puntata di oggi, 19 settembre 2019: anticipazioni, le risate...

Vieni da me, puntata di oggi, 19 settembre 2019: anticipazioni, le risate con Daniele Liotti

Oggi pomeriggio in tv un nuovo appuntamento con Vieni da Me su Rai 1. Il salottino di Caterina Balivo sarà animato anche oggi, 19 settembre 2019, con tanti ospiti e nuovi temi da affrontare con il suo pubblico.

Vieni da me: Daniele Liotti fa boom su Instagram. Quando va in onda, orari, ospiti di Caterina Balivo su Rai 1 e Raiplay

La Rai sta mantenendo un certo riserbo riguardo le anticipazioni sulle puntate di Vieni da Me, puntando in particolare sull’effetto sorpresa. Il più delle volte, infatti, i fan devono accontentarsi di seguire Caterina Balivo su Instagram per avere dei piccoli suggerimenti su chi sarà ospite e quali saranno i temi caldi della puntata, con inizio alle 14 su Rai 1.

Nell’ultima puntata in particolare ha rubato la scena l’attore Daniele Liotti, protagonista della fiction A un passo dal cielo 5. La sua intervista è stata ricca di aneddoti e gag, con risate assicurate: un lato ancora poco conosciuto dell’attore, che ha raccontato di quando da giovanissimo ha lavorato in un circo.

Esilarante l’aneddoto della elefantessa Stellina: “Il domatore mi spiega che quando lui entrava io dovevo rimanere pronto a intervenire nel caso si emozionasse, perché Stellina era emotiva. Questa cosa me l’ha spiegata con accento mezzo inglese, mezzo indiano, che ti giuro non c’ho capito niente. So solo che mi sono ritrovato con dei pantaloni a scacchi bianchi e neri che sbirulino in confronto… e la carriola in mano”.

“Mentre continuavo a domandarmi quale fosse il mio compito – spiega Liotti – “vedo che Stellina apre ‘l’oblò’ e lì mi si è fatto chiaro, ho capito tutto! Parto con la carriola e vado sotto Stellina, che però si muoveva con ‘sto didietro e io, un po’ di qua, un po’ di là un po’ de su e un po’ de giù”.

Mentre Caterina Balivo è piegata in due dal ridere, Daniele Liotti finisce il racconto: “Vedo che Stellina richiude l’oblò e tiro un sospiro di sollievo, giustamente. Cioè considera che io ero timido, stavo davanti a tutta questa gente, davanti al pubblico perché ero nello spettacolo e mi vergognavo da morire. Insomma, torno indietro con la carriola vuota (perché l’oblò si era richiuso quando costei nulla aveva fatto) e sento una serie di botti. Ora il problema è che dopo l’esibizione dell’elefante entravano degli atleti che facevano degli esercizi a corpo libero, quindi vi lascio immaginare. È cominciata così, con una bella figura di m…!”.