XIV edizione del Roma Videoclip: i vincitori

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Commozioni, artisti e registi per la quattordicesima rassegna di “Roma Videoclip – il cinema incontra la musica”, che si è tenuta alla Sala Fellini, all’interno degli Studi di Cinecittà a Roma, presentata da Claudio Guerrini. Ideata e coordinata da Francesca Piggianelli, in compartecipazione con Luce Cinecittà, con il sostegno di Roma Lazio Film Commission, Cinecittà Panalight, Sagevan ed Equilibra, con il Patrocinio della Regione Lazio e del Mibac, Roma Videoclip è la più importante rassegna nazionale dedicata al fantastico connubio tra cinema e musica, in una sala piena sono stati consegnati i seguenti riconoscimenti :
    “Special award artista femminile dell’anno e per i 10 anni di carriera”.  Alessandra Amoroso che ha ritirato anche il premio di Roma Videoclip per “Due Destini” con Federico Zampaglione, che ha anche ottenuto un Premio come direttore innovativo per il videoclip “Noi casomai”. Premiato anche il complesso di Zampaglione, i Tiromancino e Giglia Marra, in veste di attrice rivelazione e Francesco Montanari, che ha conseguito lo “Special award attore dell’Anno” per le sue innumerevoli, gradite performance al cinema, teatro e in televisione. Michele Placido è stato premiato per aver diretto “NON MI AVETE FATTO NIENTE”, con Fabrizio Moro, che è stato insignito anche del premio come artista maschile dell’anno e per il videoclip “L’eternità” (il mio quartiere) diretto da Trilathera. Luca Barbarossa ha ricevuto lo “Special award connubio di cinema, musica, originalità”, e per la clip “LA DIETA”, di Paolo Genovese con protagonisti Anna Foglietta e Marco Giallini. “Special award connubio cinema e musica ed interpretazione” alla regista Luisa Carcavale   e Luna Vincenti per “MILLE ANNI LUCE” “Special award connubio di cinema e musica” a Piotta per “SOLO PER NOI” ed al regista Glauco Citati. ” Special award rivelazione connubio cinema e musica” a Marcondiro per “AMMORE VERO”, diretto da Marco Borrelli, con la partecipazione di Stefano Fresi.