Home ATTUALITÀ BREAKING NEWS Ex Ilva – “Si passi dalle lettere ai fatti, mettendo gli impianti...

Ex Ilva – “Si passi dalle lettere ai fatti, mettendo gli impianti in sicurezza. Basta con le perdite di tempo”, esorta la Uilm

EX ILVA ACCIAIERIA ACCIAIERIE TARANTO IMPIANTO SIDERURGICO SIDERURGIA ARCELOR MITTAL ARCELORMITTAL OPERAIO

Proprio mentre l’ex Ilva vive la sua fase più drammatica, continuiamo ad assistere al tentativo di ArcelorMittal di prendere ulteriore tempo con l’obiettivo palese di portare gli impianti allo sfinimento. Se davvero è disposto a cedere su tutto, come ha scritto nella lettera inviata al Governo il 18 gennaio scorso, perché non lo dimostra negli stabilimenti? Perché, invece, a Taranto spegne l’altoforno 2, nelle batterie guardie idrauliche non c’è drenaggio e l’acqua blocca il passaggio del gas arrivando quasi al fermo totale? Perché l’altoforno 1 è ancora fermo da agosto e il 4 è in marcia ridotta?”

Questo domanda e si domanda Rocco Palombella, segretario generale Uilm, il quale poi aggiunge: “Non ci sembra questo l’atteggiamento di chi vuole restare, di chi vuole salvaguardare l’ex Ilva, i lavoratori e l’ambiente”.

Ex Ilva, la Uilm: “Abbiamo già perso troppo tempo. I Ministri ci hanno assicurato che indietro non si torna”

Abbiamo già perso troppo tempo – rimarca ancora il responsabile della sigla sindacale intitolata ai metalmeccanici – gli stabilimenti sono al collasso, la produzione è al limite storico, ci sono migliaia di lavoratori in cassa integrazione e un sistema degli appalti allo stremo. I Ministri ci hanno assicurato che indietro non si torna”.

Ex Ilva, la Uilm: “Urge passare dalle lettere ai fatti concreti per evitare la fermata totale degli impianti che porterebbe alla morte dell’ex Ilva”

Quindi, aggiunge ancora Palombella, “Al tavolo di domani in videoconferenza ribadiremo l’importanza di salvaguardare l’indotto, che è la parte più debole in questo momento, i lavoratori ma anche le aziende virtuose che sono state già penalizzate nel 2015 e che noi tuteleremo. Occorre immediatamente – conclude – passare dalle lettere ai fatti concreti per evitare la fermata totale degli impianti che porterebbe alla morte dell’ex Ilva”.

Ex Ilva, la Uilm: “Quello che serve agli stabilimenti è un intervento urgente”

Dunque, conclude infine il sindacalista, “Quello che serve agli stabilimenti è un intervento urgente: servono al più presto i 320 milioni di euro per la gestione corrente, per la messa in sicurezza degli impianti e di tutti i lavoratori”.

Max