Home ATTUALITÀ Poche semplici idee per ridurre i consumi di plastica

    Poche semplici idee per ridurre i consumi di plastica

    Ultimo aggiornamento 15:35

    Ridurre i consumi di plastica, oggi, è diventato una nostra priorità. Dobbiamo smetterne di parlarne e iniziare a compiere gesti concreti subito, perché la plastica è diventata talmente inquinante da esser diventata parte del corredo genetico della fauna dei mari. Piano piano abbiamo persino iniziato ad assimilarla nei nostri organismi. Si tratta di un materiale che ha invaso le nostre vite e che ci sembra impossibile sostituire ma che, con poche semplici idee, potrà diventare, finalmente, un amaro ricordo del passato. Purtroppo la condizione in cui versa il nostro pianeta è davvero grave e ci vuole l’impegno di tutti per risollevare le inesorabili sorti a cui stiamo andando incontro. Ecco quindi poche semplici idee per ridurre i consumi di plastica e materiali inquinanti che tutti dovremmo conoscere.

    Cosmetici e cura del corpo

    La cosmetica utilizza una miriade di confezioni di plastica usa e getta che non sempre possono essere interamente riciclate. Il nostro consiglio è quindi quello di sostituire i prodotti con altri meno inquinanti a partire dalle piccole cose. Sul mercato, infatti, esistono oggi spazzolini in bamboo, lamette in acciaio e cotton fioc compostabili che potrebbero sostituire i classici accessori in plastica. Ma come fare per detergenti e cosmetici? Se ti guardi bene intorno sono molti i marchi che offrono contenitori riutilizzabili in alluminio e che danno la possibilità di acquistare solo le ricariche. Dagli shampoo solidi alle saponette per la detersione le alternative sono tantissime. Forse all’inizio le troverai un po’ scomode ma la praticità di questi nuovi consumi verrà con il tempo, quando ci avrai fatto l’abitudine. Un altro consiglio è quello di produrre direttamente in casa alcuni dei normali prodotti per la cura del corpo che utilizziamo quotidianamente. Difatti se possiedi un estrattore di frutta e verdura potrai sfruttare gli scarti per produrre ottimi scrub e maschere per la pelle a costo zero. Considera che anche il dentifricio può esser prodotto in casa a partire da aloe, bicarbonato, olio di cocco e menta. Sul web è pieno di ricette che spiegano come fare e i risultati sono pazzeschi, senza contare che spenderai la metà di quanto spendevi per l’acquisto di quelli confezionati e risparmierai anche in salute. I cosmetici commerciali sono chimici e realizzati con sostanze nocive per la salute, come i parabeni. Perché non provare?

    Pulizia della casa

    Per la pulizia della casa potresti provare gli oli essenziali, l’aceto ed il bicarbonato. Mescolando questi ingredienti nelle giuste proporzioni otterrai detersivi naturali non inquinanti e potrai finalmente fare a meno della plastica dei contenitori nei quali sono solitamente venduti. Vi è chi, per esempio, risparmia sull’acquisto del detersivo per la lavastoviglie creando saponette di marsiglia che poi grattuggia in contenitore, ottenendo una polverina profumata e pulente da utilizzare per il bucato alla quale aggiunge una piccola porzione di bicarbonato. Se non vuoi creare i tuoi detersivi da solo puoi adottare anche un altro metodo per ridurre l’impatto della plastica: la diluizione. Il punto è che i detersivi per la casa sono concepiti per profumare e fare schiuma. Di solito li versiamo senza fare troppa attenzione alle quantità dato che sono anche poco costosi. Ebbene impara ad utilizzarli diluiti e vedrai che ti dureranno molto di più del solito.

    Fare la spesa nel modo giusto

    Per la spesa il discorso si complica. Il nostro suggerimento è quello di imparare ad acquistare dai rivenditori etici e di fare più uso dei coltivatori diretti che producono e vendono a chilometro zero senza troppo bisogno di imballare tutto nella plastica. Se questo non fosse possibile prova a cercare i gruppi di acquisto solidale della tua zona e organizzati per ricevere a casa cassette di frutta e verdura ancora sporche di terra e dal sapore intenso tutt’altro che industriale. Infine basta con le buste in plastica! Inizia ad utilizzare le shopper personalizzate di cotone, come quelle proposte da GedShop.it.